Sicurezza: Roberti, formazione Polizia locale innovativa e flessibile

Trieste, 27 nov - "Anche per il 2021 il programma formativo per la Polizia locale prosegue nell'ottica dell'innovazione e della flessibilità. Dobbiamo essere in grado di dare risposte concrete alle necessità di aggiornamento professionale degli operatori chiamati ad affrontare spesso situazioni emergenziali che oggi non possiamo prevedere".

Questo il commento dell'assessore alla Sicurezza Pierpaolo Roberti dopo l'approvazione odierna da parte della Giunta del dodicesimo programma per la formazione del personale della Polizia locale.

"Da un punto di vista metodologico - spiega Roberti - è stata potenziata la flessibilità per quanto concerne la durata e la logistica dei corsi. Abbiamo previsto inoltre di rendere stabili le modalità di insegnamento a distanza, a rafforzamento della didattica tradizionale, anche quando sarà terminata l'emergenza Coronavirus".

"Il percorso di rinnovamento va poi di pari passo con il Progetto Piattaforma avviato nel corso di quest'anno con la collaborazione della Digital Academy di Insiel e che sarà portato gradualmente a compimento per passi successivi di avanzamento nel 2021. L'obiettivo - ricorda l'assessore - è quello di proseguire nell'iter di digitalizzazione dell'intero processo formativo: dall'iscrizione ai corsi al rilascio delle attestazioni, dalla pubblicazione dell'offerta dei corsi alla storicizzazione dei percorsi di aggiornamento del singolo operatore".

Dal punto di vista dei contenuti la delibera approvata oggi dalla Giunta conferma le aree tematiche già previste dal precedente programma: "Addestramento formale", "Ordinamento, etica e deontologia", "Codice della strada", "Tutela del territorio", "Polizia amministrativa", "Armi e strumenti di autotutela", "Polizia giudiziaria", "Comunicazione", "Formazione avanzata", "Lingue straniere", "Giornate formative e di studio, conferenze e seminari".

"Tra le principali novità per il 2021 - evidenzia Roberti - troviamo l'aggiunta di un modulo 'aperto' nell'ambito della 'Formazione avanzata' con contenuti da concordare di volta in volta con i comandanti e i responsabili della Polizia locale".

"Inoltre, nell'ambito delle giornate di studio, sono stati inseriti anche alcuni corsi nuovi, al momento non definiti, da attivare sulla base delle istanze contingenti dei singoli Comandi. Questa modalità ci consente di proseguire nel processo di flessibilizzazione anche sostanziale dell'attività formativa. Dobbiamo infatti essere capaci di coprire con sempre maggiore efficacia i fabbisogni non prevedibili ma spesso di maggiore interesse per gli operatori, che così - afferma l'assessore in conclusione - possono acquisire i crediti funzionali alle progressioni di carriera anche su corsi non predeterminabili". ARC/RT/ma



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Carburanti: Fedriga, soddisfazione per sentenza Corte di giustizia Ue

  • Sicurezza: Roberti, benemerenza regionale a 63 agenti Polizia locale

  • Demanio: Callari, accordo con Capitaneria strategico per sviluppo Fvg

  • Tempesta Vaia: Riccardi, oltre 104 milioni già liquidati alle imprese

  • Carburanti: Scoccimarro, forti del successo europeo miglioreremo norma

  • Sicurezza: Roberti, dotazioni a Forze ordine per controlli a passeur

Torna su
TriestePrima è in caricamento