SICUREZZA STRADALE: 1,1 MILIONI A 11 COMUNI PER ISTITUIRE "ZONE 30"

Udine, 14 gen - Nove Progetti per la realizzazione di Zone 30 in 11 comuni della regione saranno destinatari di complessivi 1,1 milioni di euro, contributi derivanti dal IV e V Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale (PNSS). La Regione Friuli Venezia Giulia ha approvato il decreto sulla Graduatoria finale dei Progetti presentati dai Comuni, in forma autonoma o associata, che hanno partecipato al Bando pubblicato ad aprile 2015.

Le Zone 30 prevedono l'imposizione, per motivi di sicurezza e tutela dell'incolumità, del limite massimo di velocità di 30 chilometri orari, rispetto al limite di 50 chilometri normalmente imposto nei centri abitati dal Codice della Strada. "L'iniziativa - commenta l'assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità Mariagrazia Santoro - ha riscontrato notevole interesse nei Comuni della regione, che si sono dimostrati sensibili ai temi della sicurezza stradale nei centri abitati: è un segno che le politiche che stiamo attuando, che comprendono anche le sperimentazioni per i percorsi bici casa-lavoro, l'inserimento della rete della mobilità lenta nel Piano Paesaggistico Regionale (PPR) e il sostegno alle campagne contro l'incidentalità stradale, vanno nella giusta direzione".

I Progetti finanziati sono nove:
- Comune di Udine (200.000,00 euro);
- Comuni di Monfalcone e Staranzano (100.000,00 euro);
- Comune di Porcia (100.000,00 euro);
- Comune di Pordenone (139.800,00 euro);
- Comune di Trieste (200.000,00 euro);
- Comune di Spilimbergo (100.000,00 euro);
- Comuni di Gradisca d'Isonzo e Romans d'Isonzo (100.000,00 euro);
- Comune di Tolmezzo (100.000,00 euro)
- Comune di Gemona (81.178,00 euro).

Nello specifico, i Progetti prevedono gli interventi di seguito dettagliati.

Comune di Udine: progetto Udine slow town-realizzazione di Zone 30. Istituzione di quattro Zone 30 nei quartieri PEEP OVEST (via Martignacco, viale dello Sport, via Latina, via della Faula), con installazione di dossi dissuasori di velocità, attraversamenti pedonali rialzati e nuovi percorsi promiscui ciclopedonali in sede propria; PEEP EST (via Salvo D'Acquisto, via delle Forze Armate, viale Mirko, viale Dino Basaldella, via Zilli), con rialzamento di una intersezione con realizzazione di attraversamento pedonale, nuovi attraversamenti pedonali e ciclabili rialzati, dossi dissuasori di velocità; VASCELLO (via del Vascello, via Palmanova, via Marsala, via Melegnano, via della Madonnetta), con due attraversamenti pedonali rialzati, ampliamento dei marciapiedi con contestuale restringimento della carreggiata e regolamentazione del traffico; CENTRO OVEST (piazzale Diacono, via Micelio, via Volpe, via Marangoni, viale Tullio, piazza Cadorna, piazza Garibaldi, via del Gelso, via Zanon, via Mazzini, via Gemona, via di Toppo), con modifica di due intersezioni con restringimento delle carreggiate o allargamento dei marciapiedi e dissuasori di sosta, installazione arredo urbano, miglioramento della pista ciclabile esistente, attraversamenti pedonali rialzati, ridisegno di una piazza con eliminazione dei punti di conflitto, messa in sicurezza di attraversamenti pedonali/ciclabili, nuovo percorso promiscuo ciclopedonale su marciapiede ampliato.

Comuni di Monfalcone e Staranzano. Interventi di istituzione di una Zona 30 a cavallo dei territori comunali di Monfalcone e Staranzano e di un itinerario ciclabile di collegamento tra centri di interesse comuni a entrambi i territori. A Monfalcone nel Rione di Largo Isonzo (via della Crociera, via Goldoni, via Monti, via Nievo) verranno realizzate porte di ingresso che prevedono il restringimento della carreggiata con sopraelevazione degli attraversamenti pedonali/ciclabili, istituzione di una Zona a Traffico Limitato (ZTL) a orari nel rione Largo Isonzo. A Staranzano (via Valent, via San Marco, via D'Annunzio, via Trieste e interventi di moderazione del traffico lungo via delle Milie e via Reggio Emilia) saranno realizzate porte di ingresso con la sopraelevazione degli attraversamenti pedonali e apposita segnaletica e una riorganizzazione della sosta con creazione di gincane finalizzata alla moderazione della velocità dei veicoli in transito.

Comune di Porcia: Progetto Riqualificazione di Via della Chiesa e di un tratto di Via Cartiera nel quartiere di Rorai Piccolo. Interventi di istituzione di una Zona 30 e riqualificazione degli assi stradali di via della Chiesa e via della Cartiera con particolare attenzione all'intersezione tra le due vie con porte di accesso con rialzo della sede stradale e piattaforma stradale a piano unico in via della Chiesa, restringimento carreggiate e allargamento dei marciapiedi, realizzazione di percorsi ciclopedonali.

Comune di Pordenone: Progetto Tutta la M e mezza O. Sono previsti interventi per due Zone 30 negli ambiti residenziali adiacenti Julia - Autiere (via Montereale, via dell'Aviere, via delle Caserme, via Ungaresca) e Nicoletta (parte Est, viale Gregoretti, via delle Caserme, via Ungaresca, ciclabile Galimbeni), con sistemazioni di due nodi di collegamento tra le due Zone 30 lungo la via delle Caserme e di un nodo in via dell'Aviere (una minirotonda e due incroci rialzati). Sono inoltre previste la realizzazione di porte di accesso di vario tipo (rialzate, con transenne, delimitate con arredo verde, delimitate da avanzamento dei marciapiedi), incroci con marciapiedi avanzati o rialzati e restringimento delle carreggiate, gincane di rallentamento e riorganizzazione della sosta al fine di mettere in sicurezza i percorsi pedonali e realizzazione di percorsi pedonali protetti.

Comune di Trieste: Progetto Realizzazione di una Zona 30 nel Borgo carsico di Opicina. Sono previsti interventi di istituzione di una Zona 30 (via Nazionale, via di Prosecco, via dei Fiordalisi, via dei Papaveri e la strada provinciale 35) e sviluppo di un percorso Pedibus dalla Scuola statale Lona al Ricreatorio Fratelli Fonda Savio con completamento di percorsi pedonali e implementazione segnaletica stradale.

Comune di Spilimbergo: Progetto Spilimbergo traffic calming. Verranno istituite tre Zone 30 con attraversamenti pedonali rialzati in corrispondenza di due plessi scolastici, due percorsi ciclopedonali e una minirotatoria. Le aree interessate sono la Zona Ovest (via Nievo-via Cavour-largo Osoppo), la zona Sud (via della Repubblica-via Bertrando-via Udine-via Santa Chiara), la zona Nord (via Umberto I-via Percoto-via della Roggia-via Barbacane).

Comuni di Gradisca d'Isonzo e Romans d'Isonzo. A Gradisca è prevista l'istituzione di una Zona 30 (via Eulambio-via De Gasperi-via dell'Emigrante-via Roma-via dei Campi) con tratti di piste ciclabili, un percorso promiscuo ciclopedonale e la riorganizzazione della sosta con realizzazione di chicane e messa in sicurezza di attraversamenti pedonali. A Romans la Zona 30 (via delle Scuole-via Molinari-via Valdemarin) comprenderà una pista ciclabile e un percorso ciclopedonale, isole pedonali, un parcheggio e il ridisegno delle carreggiate stradali.

Comune di Tolmezzo: Progetto Zone 30 in località Betania. Interventi di istituzione di una Zona 30 (via Betania-via Illegio-via Grialba-via Marchi) con realizzazione di interventi di regolamentazione della circolazione, percorsi ciclopedonali e installazione di dissuasori di velocità.

Gemona del Friuli: Progetto Zona 30 ambito scolastico e Via Sacra. Interessa le via Sacra-via Moseanda-via Tagliamento-via Bariglaria-via Battiferro) con regolamentazione della circolazione, realizzazione di un percorso ciclopedonale, installazione di delimitatori di carreggiata.

ARC/com/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

  • Turismo: Bini, Fvg propone a ministro Fondo di rotazione nazionale

  • Finanze: Zilli, Regione plaude a risultati Ucit Srl sull'intero Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento