Lunedì, 15 Luglio 2024
Notizie dalla giunta

Sicurezza stradale:Amirante, servono cambio culturale e responsabilità

 


Pordenone, 19 ott - "La sicurezza stradale non deve essere intesa solo come una maggiore consapevolezza nel momento in cui ci si mette alla guida di un veicolo ma anche e soprattutto la necessità di un cambio culturale legato a una maggiore attenzione verso il prossimo".

Lo ha detto l'assessore regionale alle Infrastrutture Cristina Amirante partecipando oggi a Trieste all'iniziativa organizzata dall'associazione Uniti per la sicurezza stradale dal titolo "Freniamo in tempo", svoltasi nella sede della Regione.

"Quando si parla di sicurezza strade - ha evidenziato l'esponente dell'esecutivo Fedriga - troppo spesso si attribuiscono colpe e responsabilità degli incidenti alla poca manutenzione e gestione della rete viaria. Tuttavia ciò nasconde invece spesso la mancata volontà di attribuire la vera responsabilità all'imprudenza e alla distrazione dell'uomo".

L'assessore ha poi ricordato come dietro a una maggiore sicurezza stradale ci debba essere un cambio culturale. "Molte volte - ha detto Amirante - quello che vige è un atteggiamento di deresponsabilizzazione del singolo, che demanda ad altri le proprie colpe quando invece sarebbe necessaria una maggiore consapevolezza. Questo accade ad esempio anche quando vengono istituite le "zone 30", ritenute inutili solo perché impongono un cambiamento culturale, quando invece bisognerebbe capire che la viabilità vocata alla residenza non deve essere utilizzata dall'automobilista come scorciatoia". ARC/AL/ma
 

 



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza stradale:Amirante, servono cambio culturale e responsabilità
TriestePrima è in caricamento