Giovedì, 17 Giugno 2021
Notizie dalla giunta

Sociale: Riccardi, rilevante il ruolo di inclusione nelle cooperative

Pasian di Prato, 29 mag - "Il sistema di inclusione della cooperazione sociale riveste un ruolo importante per coloro che si trovano in particolari condizioni di disagio. Un aspetto ancora più rilevante, oggi, nella fase post-pandemica per la tenuta sociale". Lo ha detto il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, all'inaugurazione della nuova sede della società cooperativa sociale di tipo B, Nascente, fondata a Udine nel 1987, e attiva sul mercato del lavoro, integrando l'aspetto produttivo a quello sociale, con l'impiego anche di soci lavoratori svantaggiati. "Il mondo della cooperazione sociale continua a offrire importanti risposte alle esigenze ed in questo settore dobbiamo proseguire ad investire - ha evidenziato Riccardi - per garantire una sempre maggiore qualità della vita delle persone". "Il disagio - ha aggiunto - attraversa trasversalmente tutte le componenti della società moderna e la cooperazione sociale sarà protagonista nella gestione e nelle risposte che riuscirà dare; il nostro compito sarà quello di evolvere una legislazione che non può ragionare solo in termini di risultato economico tenuto conto anche che se mancano le risposte di inclusione, i costi saranno comunque a carico della collettività". "L'inclusione di persone svantaggiate non può essere considerata al pari di altre condizioni - ha rimarcato Riccardi - e la vostra esperienza, la storia di uomini visionari come don Emilio de Roja, dalla cui intuizione è nata la Cooperativa sociale Nascente all'interno di Casa Immacolata, sono la dimostrazione di come sia possibile costruire condizioni migliori per dare risposte alle persone in difficoltà". Per il presidente della cooperativa, Flavio Sialino, presente all'evento con il sindaco di Pasian di Prato, Andrea Pozzo, "Nascente è una delle prime cooperative sociali in Friuli, è una realtà in movimento, il segno di una volontà di riscatto, di vita nuova. La forma cooperativistica - ha detto - ha saputo dare risposte concrete a diversi problemi legati all'esclusione sociale e alla disabilità". In questo senso, Sialino ha richiamato la necessità di tutelare le cooperative esistenti e di rilanciare il sistema cooperativo. A impartire la benedizione a questi nuovi locali, "luoghi di lavoro ma soprattutto di incontro e di condivisione delle persone che vi operano", come ha riferito Sialino, è stato don Ilario Virgili. ARC/LP/ep


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sociale: Riccardi, rilevante il ruolo di inclusione nelle cooperative

TriestePrima è in caricamento