SPORT: 110 ANNI MOTOCLUB, DA SEMPRE IMPEGNO SU SICUREZZA E PREVENZIONE

Trieste, 31 agosto - "Va riconosciuto al Moto Club di aver portato avanti nel tempo un'importante azione comunicativa ed educativa rivolta alla sicurezza di chi va sulle due ruote, dedicando preziose energie e risorse alla prevenzione". Con queste parole l'assessore alla Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia Gianni Torrenti è intervenuto oggi all'inaugurazione dell'evento espositivo, legato ai 110 anni di vita del Moto Club Trieste, che vedrà per cinque giorni (dal 31 agosto al 4 settembre) esposte al Salone degli Incanti dell'ex Pescheria centrale di Trieste 110 motociclette che ripercorreranno virtualmente altrettanti anni di storia: dal 1906 ai giorni nostri.

Fra i vari eventi programmati è prevista venerdì 2 settembre una conferenza dedicata alla sicurezza stradale applicata al motociclismo alla quale parteciperanno, fra gli altri, gli ex campioni Giacomo Agostini e Marco Lucchinelli, l'imprenditore Lino Dainese, la presidente della Regione Debora Serracchiani e il presidente della Commissione parlamentare Trasporti Michele Meta. Negli stessi giorni si terrà anche un raduno internazionale, che domenica 5 settembre vivrà il suo momento clou  con la sfilata nelle vie del centro città.

L'assessore Torrenti, sottolineando la propria appartenenza alla categoria dei motociclisti, ha ribadito l'importanza del Moto Club come luogo dove la prevenzione viene affrontata con competenza e professionalità, al fine di mettere chi guida nelle condizioni di massima sicurezza.

Il presidente del Comitato organizzatore dell'evento Stefano Zuban, illustrando la rassegna, ha ricordato con orgoglio l'impegno di tanti collezionisti nel prestare quelli che sono veri e propri pezzi di storia del motociclismo: dal bicilindrico raffreddato ad acqua della Hildebrand & Wolfmuller del 1894 alla MV Agusta 500 tre cilindri che fu di Giacomo Agostini, fino alla moto elettrica di ultimissima generazione.

"Quattro ruote muovono il corpo, due ruote muovono l'anima", ha detto Zuban nel ringraziare i tanti appassionati che hanno partecipato alla manifestazione inaugurale.

Nell'ambito del programma degli eventi, di particolare valenza storica, venerdì 2 settembre, la premiazione di Giuseppe Spreafico: il primo motociclista carabiniere che nel 1954 entrò a Trieste e che venne immortalato in una famosa foto notizia dell'epoca.

Sempre venerdì 2 settembre un omaggio particolare sarà riservato al campione triestino Gilberto Parlotti scomparso nel 1972 nell'Isola di Man: nell'occasione verrà infatti presentato l'instant book  Gilberto Parlotti - La corsa incompiuta curato da Claudio Ernè.

All'inaugurazione, oltre all'assessore Torrenti, hanno presenziato anche il prefetto Annapaola Porzio, il vescovo Giampaolo Crepaldi e l'assessore comunale al Turismo Maurizio Bucci. L'ingresso al Salone degli Incanti per visitare la rassegna è gratuito.

ARC/GG/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Riaperture: Fedriga, da Regioni ok a linee guida

  • Minoranze: Callari, gli sloveni in Fvg sono a casa loro

  • Pnrr: Rosolen, così cambiano scuola, formazione e lavoro post Covid

  • Sport: Fedriga, valori team Luna Rossa importanti per costruire futuro

  • Ristori: Bini, nuovo bando da 7 mln amplia la platea dei beneficiari

Torna su
TriestePrima è in caricamento