Sport: Gibelli, attenzione Regione a sostegno attività paralimpica

Domande di contributo da presentare entro il 31 gennaio

Pordenone, 14 gen - "La Regione è vicino allo sport inteso anche come attività inclusiva per le persone con disabilità. Per questo motivo ci impegneremo affinchè le domande a sostegno dell'attività svolta dai sodalizi che operano in questo settore possano trovare adeguato sostegno".

Lo ha affermato l'assessore regionale allo Sport Tiziana Gibelli partecipando oggi a Pordenone nella sede del Comitato paralimpico all'illustrazione delle modalità di compilazione delle richieste a favore delle associazioni e società che operano nell'ambito della pratica sportiva e dell'integrazione delle persone con disabilità.

"L'infoday - ha detto l'assessore Gibelli nel corso del suo intervento - vuole fornire gli strumenti affinché le associazioni e le società sportive possano presentare le domande in modo corretto, seguendo i criteri stabiliti dalla legge regionale in materia. Va detto che i sodalizi appartenenti a questa categoria hanno dimostrato, anche in passato, una precisa conoscenza della norma, che ha consentito loro di compilare in modo impeccabile le domande. Da parte nostra - ha concluso l'esponente dell'esecutivo Fedriga - cercheremo di reperire le risorse per sostenere adeguatamente questo importante settore dello sport regionale".

Il regolamento di attuazione stabilisce termini e modalità di redazione delle richieste, criteri di valutazione delle iniziative e di determinazione dei contributi, tipologie delle spese ammissibili, nonché termini dei relativi procedimenti. Le domande possono essere inoltrate dalle associazioni affiliate a Federazioni sportive paralimpiche e dagli enti di promozione sportiva e discipline sportive associate riconosciute dal Comitato Paralimpico Italiano (Cip). A queste si aggiungono poi le società affiliate all'Associazione nazionale delle polisportive per l'integrazione sociale (Anpis) nonché le associazioni senza fini di lucro che prevedono specificatamente tra le proprie finalità statutarie l'organizzazione di attività e manifestazioni per la promozione della pratica sportiva e l'integrazione delle persone con disabilità.

Sono oggetto di sostegno economico l'acquisto di attrezzature specializzate, di equipaggiamenti e di mezzi necessari al trasporto delle persone con disabilità. La Regione poi concede contributi anche per l'organizzazione di manifestazioni sportive; a tal riguardo possono essere coperti i costi relativi a trasferimento, vitto e alloggio di atleti, tecnici, dirigenti e collaboratori, compensi per gli arbitri tecnici e giudici di gara, l'affitto di impianti sportivi e i costi per l'allestimento delle sedi in cui si svolgerà l'iniziativa. Inoltre il contributo è riconosciuto anche per l'acquisto di premi, la stampa di inviti e locandine per la pubblicizzazione della manifestazione, le spese per l'assistenza sanitaria inerenti l'evento.

La misura massima del contributo non può essere superiore al 100 per cento della spesa ammissibile fino ad un massimo di 10 mila euro. L'erogazione al singolo beneficiario dipenderà poi dall'ammontare complessivo delle risorse finanziarie disponibili e dal punteggio assegnato a ciascuna iniziativa. Le richieste dovranno essere inoltrate alla Regione entro il 31 gennaio. ARC/AL/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Patrimonio: Callari, immobili Regione supporteranno Gorizia 2025

  • Covid: Fedriga, ordinanza ultimo sforzo Fvg. Governo vaccini come GB

  • Autonomie locali: Roberti a Governo, urgente sblocco concorsi

  • Salute: Riccardi, potenziare servizi autismo è atto di normalità

  • Università: Rosolen, circa 450mila euro per studenti in affitto 2020

Torna su
TriestePrima è in caricamento