Venerdì, 24 Settembre 2021
Notizie dalla giunta

Sport: Regione sostiene anche discipline "minori"

Cordovado, 29 ago - Il tiro con l'arco è una disciplina diffusa su tutto il territorio nazionale così come in regione dove i nostri atleti possono praticarla su impianti adeguati. E' una disciplina inserita, a torto, fra gli sport minori visto la capacità di offrire grandi soddisfazioni come la medaglia di bronzo vinta da Lucilla Boari ai Giochi olimpici di Tokyo 2020. La Regione sostiene lo sport con un'attenzione particolare a quelle attività meno conosciute. E' il messaggio che l'assessore regionale allo Sport ha lanciato in occasioni della cerimonia di premiazione dei vincitori della prima edizione del trofeo di tiro con l'arco "Citta' di Cordovado" - torneo interregionale open al nazionale - che si è svolto nello stadio comunale della località pordenonese. Ad organizzare la competizione, che ha ricevuto il patrocinio del Comune e la collaborazione della Spal e dell'Avis Cordovado, è stata la società sportiva Arcieri Curtis Vadi che quest'anno festeggia il decennale dalla sua costituzione. Sono stati 39 i premiati odierni: 14 le medaglie d'oro, 14 quelle d'argento e 11 di bronzo. L'assessore regionale, presente all'appuntamento, ha ricordato la classifica del medagliere del tiro con l'arco dei 26 paesi partecipanti a 17 edizioni dei giochi olimpici estivi con l'Italia che si posiziona al quinto posto dopo Corea del Sud, Stati Uniti, Belgio e Francia con ben 9 medaglie (2 ori, 3 argenti e 4 bronzi). Ha rilevato in questo modo i successi di un sport, cosiddetto minore, che sta vivendo una fase di grande espansione, con nuove società che nascono ogni anno coinvolgendo sempre più giovani, appassionati, amatori e spettatori. Hanno partecipato al trofeo circa un centinaio gli atleti provenienti dall'intero territorio nazionale e iscritti alla Federazione italiana di tiro con l'arco (Fitarco). Erano presenti alle premiazioni, fra gli altri, il sindaco, il vicesindaco e Carmine Fiorito, presidente dell'asd Arcieri Curtis Vadi, associazione costituita nel 2011 e prima realtà di tiro con l'arco del Friuli Venezia Giulia ad aver conquistato, nel 2019, la coppa Italia centri giovanili. Nel dettaglio, l’oro va a Marco Zaghis (assoluti arco olimpico maschile), Viviano Mior (assoluti arco compound maschile),  Elena Perinotto (assoluti arco compound femminile),  Massimo Brugnaro (assoluti arco nudo maschile) Isabella Salmoirago (assoluti arco nudo femminile), Matteo Crisma (assoluti arco nudo allievi maschile),  Riccardo Luzza (assoluti arco nudo ragazzi e giovanissimi maschile), Matilde Trevisan (assoluti arco nudo ragazzi e giovanissimi femminile), Enrico Luciani (assoluti arco olimpico allievi e master maschile),  Marta Corini (assoluti arco olimpico allievi e master femminile),  David Monaco (assoluti arco olimpico ragazzi maschile),  Agnese Leibelt (assoluti arco olimpico ragazze femminile),  Filippo Caporello (assoluti arco olimpico giovanissimi maschile) e Vittoria Colombo (assoluti arco olimpico giovanissime femminile). ARC/LP/pph



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sport: Regione sostiene anche discipline "minori"

TriestePrima è in caricamento