Stabilità: Gibelli, a cultura-sport 52 mln, priorità Art Bonus e musei

Trieste, 17 dic - "Nonostante le difficoltà del momento cultura e sport beneficiano in questa manovra di 52 milioni di euro nel 2021, cui si aggiungono 3 milioni per i progetti di ripartenza, i fondi per i ristori e gli interventi per impianti sportivi e valorizzazione e recupero del patrimonio culturale inseriti nell'Intesa per lo Sviluppo".

L'assessore regionale a Cultura e sport, Tiziana Gibelli, ha illustrato oggi pomeriggio in Aula i capitoli finanziari che riguardano le proprie deleghe nel quadro più ampio della legge di Stabilità 2021 e della legge collegata alla manovra di bilancio 2021-2023.

L'intervento principale riguarda l'Art Bonus regionale con l'ampliamento della platea dei beneficiari. "Il provvedimento ha avuto un ottimo riscontro nonostante il periodo di crisi - ha detto Gibelli -, e può rappresentare un aiuto concreto per i soggetti culturali. Con la Stabilità abbiamo incluso tra i beneficiari le persone fisiche, che nel regime temporaneo determinato dal Covid potranno investire almeno 2mila euro, mentre a regime la contribuzione non potrà essere inferiore a 5mila euro. A queste, per gli anni 2021 e 2022, aggiungiamo le Fondazioni bancarie".

"La manovra - ha evidenziato Gibelli - contiene anche alcuni provvedimenti normativi importanti tra cui la disposizione che riconosce automaticamente la qualifica di Comuni turistici e Città d'arte ai territori in cui è presente un sito regionale culturale Unesco, come definito ai sensi della legge Unesco regionale. A questa si aggiunge la norma che prevede che le attività connesse al supporto nell'accompagnamento del progetto pilota inerente l'Ufficio Unico per Aquileia e la gestione operativa del medesimo, possano essere realizzate da Anci Fvg utilizzando le risorse concesse nell'anno 2020 con l'assestamento di fine ottobre".

"Abbiamo poi voluto far fronte al perdurare della situazione emergenziale connessa con il Covid-19, con una proroga generalizzata al 30 giugno 2021 dei termini di utilizzo, di ammissione delle spese e di rendicontazione per i settori delle attività culturali e dei beni e dello sport, che si esplica in un sostegno economico ai soggetti culturali e all'associazionismo sportivo" ha spiegato Gibelli.

Una parte delle risorse viene destinata alla copertura delle spese generali di funzionamento di ecomusei e musei regionali riconosciuti, nonché delle biblioteche di valenza regionale, per sopperire ai mancati introiti dovuti alla prolungata chiusura.

Infine, la norma definisce le percentuali di riparto delle risorse a favore dei soggetti riconosciuti di rilevanza regionale che svolgono attività nel settore del teatro amatoriale, folclore, cori e bande, comprensivo delle risorse per sostegno di attività di orientamento musicale di tipo corale e bandistico, destinate ai soggetti affiliati a Usci Fvg e Anbima Fvg. ARC/SSA/ep



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Terzo settore: Riccardi, 1,2 mln a 51 progetti per salute e sociale

  • Covid: Riccardi, dato impensabile adesione personale Ssr a vaccini

  • Shoah: Fedriga, pietre inciampo argine a violenze su popolo israeliano

  • Economia: Bini, ddl 123 sostiene trasversalmente attività produttive

  • Ambiente: Scoccimarro, a Regione gestione di gran parte Sin Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento