rotate-mobile
Notizie dalla giunta

TERREMOTO: MATTARELLA E SERRACCHIANI A CIMITERO GEMONA DEL FRIULI

Gemona del Friuli (UD), 6 maggio - Con un omaggio, personale, quasi intimo, al Monumento che nel Cimitero di Gemona del Friuli ricorda le quasi 400 vittime del sisma del 6 maggio 1976 nella cittadina friulana, è iniziata oggi la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Friuli devastato e rinato dopo il sisma di 40 anni fa.

Il Presidente Mattarella, accompagnato dalla presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, dal commissario di Governo per il FVG Annapaola Porzio, dal prefetto di Udine Vittorio Zappalorto, dal sindaco di Gemona Paolo Urbani, dall'on. Ettore Rosato, dall'allora commissario di Governo per il Friuli terremotato Giuseppe Zamberletti, ha deposto una corona di fiori bianchi e rossi alla lapide dedicata In ricordo delle vittime del terremoto, portata a spalla da due corazzieri, mentre un trombettiere della Julia ha intonato il silenzio.

Poi un breve e mesto raccoglimento, di fronte al Monumento in memoria delle vittime di Gemona e di tutto il Friuli colpito con agghiacciante devastazione alle 21.06 di un caldissimo e solare 6 maggio 1976.

Al Cimitero di Gemona hanno fatto ala al Presidente Mattarella e alla presidente Serracchiani le rappresentanze delle Forze armate, con la Julia, dei Vigili del Fuoco (provenienti dai distaccamenti di Udine e Trieste) e della Protezione civile regionali (con i Gruppi comunali di Gemona e Codroipo) a testimoniare e significare il ruolo, fondamentale, dei militari, dei Vigili del Fuoco di tutta Italia, e dei volontari nella fase di soccorso e di prima ricostruzione del Friuli colpito dal sisma.

ARC/RM/ppd
 



In Evidenza

Potrebbe interessarti

TERREMOTO: MATTARELLA E SERRACCHIANI A CIMITERO GEMONA DEL FRIULI

TriestePrima è in caricamento