rotate-mobile
Notizie dalla giunta

Territorio: Regione, ok interventi per telefonia montagna pordenonese

Opere necessarie per aumentare la copertura dove è insufficiente Pordenone, 10 mar - La Giunta regionale ha autorizzato l'affidamento in delegazione amministrativa alla società in house Insiel Spa di un intervento pilota per la realizzazione di infrastrutture passive per la telefonia mobile e la connettività internet a banda larga nelle aree del territorio regionale attualmente sprovviste di adeguata copertura. A favore di questi interventi sono stati stanziati co0mplessivamente circa 2 milioni di euro.

Con la delibera approvata oggi, l'Esecutivo regionale individua anche l'area dei primi interventi e un primo lotto funzionale nei territori della Valcellina e della Val Cimoliana, nel Pordenonese. Si tratta della realizzazione di alcune strutture passive destinate a ospitare impianti radioelettrici per la telefonia mobile e la connettività a banda larga in quelle aree territoriali non adeguatamente coperte e rispetto alle quali non sono previsti - almeno nel breve periodo - programmi di sviluppo, attraverso impianti di tipo strutturale tradizionale, da parte degli operatori della telefonia mobile.

Le zone della Valcellina e della Val Cimoliana, come illustrato in fase di approvazione del documento in Giunta, sono state individuate a seguito di specifiche relazioni e di diversi incontri da parte dei sindaci dei Comuni di Andreis, Barcis, Cimolais, Claut, Erto e Casso con l'Amministrazione regionale in cui si evidenziava l'insufficienza del segnale telefonico in diverse aree delle vallate con i relativi disagi per i residenti e le attività produttive. Era peraltro emerso anche il problema della non copertura lungo la strada regionale 251, con i conseguenti riflessi sui rischi legati alla viabilità e alla sicurezza stradale nei casi di incidenti o di altre emergenze in cui si renda necessario allertare i soccorsi.

L'individuazione di un primo lotto funzionale per avviare l'intervento con cui potenziare il segnale telefonico ha una duplice valenza. In primo luogo fornisce una prima risposta al fabbisogno di connettività mobile nelle aree montane delle valli Cellina e Cimoliana che risultano quelle maggiormente carenti sotto il profilo della copertura. In seconda battuta, l'obiettivo della Regione è quello di consolidare il modello di attuazione delle regole stabilito dalle norme che affidano i lavori alla società Insiel in modo da poter replicare interventi analoghi in altre aree del territorio regionale in cui si riscontri il problema della carenza di copertura del segnale telefonico. ARC/LIS/al



In Evidenza

Potrebbe interessarti

Territorio: Regione, ok interventi per telefonia montagna pordenonese

TriestePrima è in caricamento