TERRITORIO: SERRACCHIANI, SU PALMANOVA LAVORO VIRTUOSO E DI SISTEMA

Palmanova, 09 ott - "Palmanova è un esempio virtuoso del lavoro fatto in questi anni sul territorio regionale". Lo ha affermato la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani intervenendo all'apertura del convegno Rigenerazione urbana e vincolo promosso oggi al Teatro Modena della città stellata dal Consiglio nazionale dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.

"Credo che l'Italia abbia fatto un lavoro straordinario cercando una candidatura idonea all'UNESCO", ha detto Serracchiani riferendosi alla candidatura finalizzata a iscrivere nella lista del Patrimonio mondiale dell'UNESCO un nuovo sito transnazionale, denominato Le opere di difesa veneziane tra XV e XVII secolo, che include anche Palmanova e che vede il Comune di Bergamo come capofila.

Il Protocollo d'intesa a sostegno della candidatura era stato sottoscritto dalla presidente della Regione insieme al sindaco di Palmanova Francesco Martines lo scorso 12 settembre. "Un progetto che tocca quattro Regioni, tre Stati e undici città - ha ricordato Serracchiani -, una candidatura estremamente complessa che va da Bergamo per arrivare al Montenegro e che qualifica molto la scelta italiana, richiedendo unità e unitarietà di intenti".

Proprio sugli aspetti di sistema si è concentrato l'intervento della presidente della Regione al Teatro Modena. "In una regione piccolina, con un territorio fragile", ha osservato, si è operato "sulla semplificazione dei processi amministrativi e il riordino del sistema, cercando di rammendare l'esistente senza andare a occupare altro territorio". In questo senso va letta "l'apertura di un Bando per il recupero di 710 appartamenti con fondi regionali per il riuso e la riqualificazione che punta sulle proprietà private ma che è aperto anche alle imprese".

Punti qualificanti dell'azione dell'Amministrazione negli ultimi due anni e mezzo, in una logica di rigenerazione del territorio, ha sottolineato Serracchiani, sono stati il recupero dell'edilizia scolastica e la lotta al dissesto idrogeologico, "che non è finita e che rischia di non essere compresa fino in fondo, dato che spesso non è evidente".

Nel concetto di "mettere assieme il sistema", la presidente della Regione ha evidenziato l'importanza, a livello nazionale, di aver accentrato le politiche sulle Infrastrutture e, a livello regionale, la Riforma degli Enti locali, con il superamento delle Province, l'aggregazione dei Comuni e la creazione di 18 Unioni Territoriali Intercomunali (UTI), "il che vuol dire avere un concetto del territorio che ragiona su un'area più vasta con capacità di mettere assieme le idee".

I lavori del convegno di Palmanova, introdotti dal sindaco Francesco Martines e dai vertici regionali dell'Ordine degli Architetti, si protrarranno anche nella giornata di domani.

ARC/PPH



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Legno-arredo: Bini, da bilancio Catas segnale positivo per il settore

  • Salute: Riccardi, primo confronto su Rar con sindacati medici

  • Omnibus: Callari, soddisfazione per approvazione norme Cuc e demanio

  • Vaccini: Riccardi, possibile anticipare appuntamenti fissati dopo 10/5

  • Corpo forestale: Zannier, confermati funzioni e compiti

  • Turismo: Bini, bando su Fondo rotazione per riqualificare strutture

Torna su
TriestePrima è in caricamento