Treni storici: domenica parte da Ts il Treno di Pier Paolo Pasolini

Pizzimenti, registrato alto riscontro per eventi 2018

Udine, 19 ott - Partirà domenica 21 ottobre, alle 8.20, dalla Stazione centrale di Trieste il Treno di Pier Paolo Pasolini "Viers Pordenon e il mont - A Casarsa sulle tracce friulane del poeta", un nuovo treno storico che, dopo quello dedicato alla Grande Guerra, questa volta approfondirà luoghi e temi della produzione poetica e letteraria dell'intellettuale di Casarsa.

In viaggio su carrozze degli anni Trenta "Centoporte" con locomotiva diesel d'epoca, il treno raggiungerà - con tappe a Monfalcone, Gorizia centrale, Cormons, Udine - il paese natale di Pasolini dove le visite guidate faranno scoprire luoghi intimamente pasoliniani come il cimitero e la Loggia di San Giovanni, la casa Colussi-Pasolini, ora sede del Centro Studi Pier Paolo Pasolini, e gli incanti artistici delle chiese di Santa Croce a Casarsa, di Sant'Urbano a Runcis e Sant'Antonio Abate a Versuta.

Il programma di visita è stato definito con l'Amministrazione comunale di Casarsa della Delizia e con la collaborazione della Pro Loco, del Centro Studi Pier Paolo Pasolini, di PromoTurismoFVG, del Comune di Trieste, di Atap e dell'Associazione Museo Stazione Trieste Campo Marzio.

La visita sarà realizzata per gruppi. I luoghi pasoliniani posti all'esterno dell'abitato di Casarsa saranno raggiungibili con navette.

Durante il viaggio l'Associazione Museo-Stazione Trieste Campo Marzio fornirà informazioni e approfondimenti di storia, tecnica e cultura ferroviaria da parte di componenti.

"Si tratta di un ulteriore appuntamento - commenta l'assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio Graziano Pizzimenti - del programma vasto e denso di soddisfazioni per il riscontro rilevato in termini di interesse e di viaggiatori, che vede l'amministrazione regionale impegnata nell'ambito della convenzione stipulata con Fondazione FS, e con la collaborazione delle amministrazioni e associazioni locali, di PromoTurismoFVG, delle Aziende di Trasporto e di altri soggetti del territorio". "L'obiettivo - prosegue l'assessore - è quello di far conoscere, attraverso il treno, aspetti significativi e eccellenze culturali, ambientali, storiche, agroalimentari che connotano il Friuli Venezia Giulia". "Stiamo già lavorando per il programma del 2019 - rende noto Pizzimenti - e rileviamo con soddisfazione il crescente interesse per le proposte del primo anno sperimentale con treni fortemente correlati con le eccellenze del territorio". Prossimi appuntamenti dopo il "Treno di Pier Paolo Pasolini" saranno quelli del 28 ottobre con "Il Treno della zucca", che partirà da Trieste e raggiungerà Venzone in occasione della tradizionale festa popolare di fine ottobre; il 4 novembre con un ulteriore treno storico da Udine a Pinzano al Tagliamento sul tema della Grande Guerra; l'11 novembre partirà da Sacile il "Treno degli Alpini" che raggiungerà Gemona. Il programma 2018 dei treni con materiale storico si concluderà con il "Treno dei mercatini di Natale" previsto per l'8 dicembre sempre lungo la ferrovia Sacile-Gemona, con arrivo a Sacile. ARC/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Lavoro: Rosolen, via a selezioni per corsi mirati per il turismo

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

Torna su
TriestePrima è in caricamento