Turisimo: Bini, bene Garavaglia per indennizzi rapidi a montagna



Trieste, 15 feb - "Ho colto un netto cambio di passo e di stile con il nuovo ministro, il quale ha parlato con franchezza di un'assunzione di colpa da parte del Governo e della necessità di procedere con degli indennizzi rapidi e importanti a tutte quelle imprese che - dopo gli investimenti, le assunzioni e il lavoro fatto - hanno saputo la sera prima dello stop alla riapertura degli impianti sciistici. Un atteggiamento da persona con i piedi per terra che mi ha rincuorato, perché dimostra una sensibilità diversa rispetto a chi c'era prima".

Lo ha detto oggi l'assessore regionale al Turismo del Friuli Venezia Giulia, Sergio Emidio Bini, a margine della riunione in videoconferenza tra i rappresentanti delle Regioni montane e il ministro al Turismo Massimo Garavaglia. All'ordine del giorno gli effetti dell'ordinanza che ha prorogato la chiusura degli impianti sciistici fino al 5 marzo.

Come ha spiegato Bini, "quanto accaduto lo considero come l'ultimo atto del governo precedente, primo interprete di una modalità di approccio profondamente sbagliata: senza rispetto per i territori e le istituzioni che li rappresentano. Ma soprattutto senza rispetto per le persone: nella fattispecie imprenditori e lavoratori, ai quali non si può comunicare poche ore prima a mezzo stampa che tutti gli sforzi economici fatti per la riapertura sono stati vani".

"Per questo - ha concluso l'assessore -, come ci ha assicurato il ministro, gli indennizzi devono essere veloci e adeguati". ARC/GG/al



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Edilizia: Pizzimenti, avviata ricognizione fabbisogni edifici di culto

  • Istruzione: Rosolen, nuovo corso specializzazione settore dell'arredo

  • Ue: Zilli, Fvg si conferma al vertice su programmazione Por Fesr

  • Turismo: Bini, Fvg propone a ministro Fondo di rotazione nazionale

  • Prot. Civile: Riccardi, lezione Zamberletti ancora attuale

  • Consorzi: Bini a Cosef, va superata fase commissariale ex Aussa-Corno

Torna su
TriestePrima è in caricamento