Turismo: Bandiera blu a Lignano Sabbiadoro frutto impegno intera città

Lignano Sabbiadoro, 5 ago - L'assegnazione di un riconoscimento importante come la Bandiera blu a Lignano Sabbiadoro non è un risultato scontato, ma è il frutto del lavoro e dell'impegno profuso dai cittadini, dal Comune e da tutti gli operatori economici, in particolare di quelli del comparto turistico, per garantire servizi di qualità che pongono grande attenzione all'ambiente.

È questo, in sintesi, il pensiero espresso dall'assessore regionale alle Attività produttive e Turismo durante la cerimonia di conferimento a Lignano Sabbiadoro della 31esima Bandiera blu, che certifica la pulizia delle acque balneabili e delle spiagge e l'attenzione della città all'ecologia. Nello specifico, oltre alla spiaggia di Lignano la bandiera è stata conferita alle sette darsene marine della località turistica: Punta Faro, Porto Vecchio, Marina Uno, Punta Verde, Capo Nord, Aprilia Marittima e Punta Gabbiani.

Evidenziando come la Bandiera blu sia stata assegnata a Lignano non solo per le sue spiagge e marine, ma anche per i servizi che la località offre ai turisti e gli investimenti effettuati a tutela dell'ambiente, da parte dell'assessore è stato sottolineato lo sforzo compiuto dagli imprenditori locali per continuare a offrire servizi di qualità anche in una stagione difficile come quella 2020. Secondo i dati del Comune infatti il 98% degli esercizi commerciali e delle attività ricettive ha regolarmente aperto nonostante l'emergenza coronavirus, dimostrando coraggio e grande senso di senso di responsabilità e sostenendo, di conseguenza, l'occupazione.

Durante la cerimonia, che si è svolta all'interno del Parco Zoo Punta Verde e alla quale hanno partecipato anche il sindaco e le autorità locali, la Regione ha confermato la volontà di continuare a sostenere le attività produttive del Friuli Venezia Giulia per aiutarle a superare questo momento di crisi, affiancando i provvedimenti adottati già dalle prime fasi dell'emergenza, e accompagnarle verso il futuro. In questo contesto giocherà un ruolo fondamentale la liquidità messa in campo dall'Europa che la Regione intende utilizzare per rilanciare l'economia e favorire la sburocratizzazione delle procedure, consolidando le collaborazioni tra le istituzioni e i privati. ARC/MA/pph



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento