Notizie dalla giunta

Turismo: Bini, rete dei cammini è risorsa per la valorizzazione FVG

Trieste, 30 mar - Il rilancio turistico dei cammini del Friuli Venezia Giulia, come occasione di promozione del territorio e del turismo lento, è stato al centro dell'incontro di oggi tra l'assessore regionale alle Attività produttive e turismo, Sergio Emidio Bini, e il consigliere regionale Franco Mattiussi, primo firmatario di un emendamento alla legge di Stabilità 2021, che istituisce la Rete dei cammini del Friuli Venezia Giulia, finanziata con 450mila euro. La riunione è stata l'occasione per ribadire la rilevanza turistica degli itinerari a piedi e fare il punto sullo stato dei lavori: in merito al protocollo d'intesa per la valorizzazione del progetto europeo sulla Romea Strata, il quale ripropone il sistema di vie e sentieri che dall'Europa centro-orientale conducevano i pellegrini a Roma, i tecnici hanno definito i contenuti e sono prossimi all'adozione degli atti formali, mentre per quanto riguarda l'emendamento presentato da Mattiussi, che modifica la legge 21/2016 in tema di cammini, il gruppo tecnico è impegnato nella definizione dei contenuti del provvedimento di attuazione della norma. Il potenziamento dei cammini in chiave turistica si inserisce nell'attuale trend, con una sempre maggiore richiesta da parte di turisti, visitatori, ma anche cittadini della regione, di esperienze a contatto con la natura e in luoghi con minore concentrazione di affollamento, in un'ottica di turismo lento per la riscoperta dei territori attraverso le tradizioni, la storia, la cultura e l'enogastronomia. La rete dei cammini comprende itinerari che collegano tra loro, infatti, luoghi accumunati da significativi e documentati fatti storici o da tradizioni storicamente consolidate, di interesse storico, culturale, religioso, naturalistico, ambientale, paesaggistico ed enogastronomico. In Friuli Venezia Giulia sono presenti molteplici percorsi spirituali, storici e tematici (Cammino celeste, Cammino delle Pievi della Carnia, Cammino di San Cristoforo, Romea Allemagna, Romea Aquileiese, Romea Julia Augusta, 44 chiese votive delle Valli del Natisone, Via Flavia, Cammino di San Martino, Cammino di Sant'Antonio, Via del Tagliamento) e sono altrettanto importanti i sentieri naturalisti (Alpe Adria Trail, Via Alpina, Anello delle Dolomiti Friulane, Alta Via Forni di Sopra, Traversata Carnica, Sentiero Italia), che potrebbero inserirsi nelle strategie delineate dall'attuale normativa regionale. ARC/COM/ma


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo: Bini, rete dei cammini è risorsa per la valorizzazione FVG

TriestePrima è in caricamento