Turismo: Cammino di San Cristoforo è risorsa slow per Fvg



Trieste, 31 lug - Un significativo lavoro di squadra che è riuscito a valorizzare e sviluppare ulteriormente le potenzialità attrattive del Cammino di san Cristoforo, un itinerario turistico slow ed esperienziale unico che tra scenari naturali, luoghi di profonda spiritualità, borghi e fortificazioni, consente di fruire delle bellezze del territorio e di conoscere storia, cultura arte e tradizioni tipiche del Friuli Venezia Giulia.

È questo in sintesi il commento dell'assessore alle Attività produttive e Turismo rispetto ai risultati raggiunti dall'Uti Livenza Cansiglio Cavallo con il bando regionale "Progetto di paesaggio" che con il coinvolgimento dei Comuni di Caneva, Aviano, Polcenigo e Budoia, della Diocesi di Concordia Pordenone e di altri stakeholders ha implementato qualità e servizi del Cammino di San Cristoforo.

Si tratta di una progettualità coerente con gli obiettivi della Regione che, come osservato dall'assessore, punta su un'offerta turistica slow per vivere il territorio in un'ottica responsabile e sostenibile, soprattutto nell'attuale fase post Coronavirus nella quale il turismo lento, responsabile e sostenibile costituisce un asset di ripartenza per il settore. ARC/CCA/al



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento