Turismo: Mappa del sapore, un percorso nella proposta enogastronomica



Lignano Sabbiadoro, 22 lug - Un progetto che si rinnova da diciassette anni e che si è consolidato nel tempo, divenendo uno strumento utile di consultazione che mette a disposizione dei turisti e dei curiosi del gusto l'offerta di operatori dell'enogastronomia che perseguono, sul territorio, la qualità. È così che può essere definita la Mappa del sapore, la quale costituisce un elemento di promozione capace di invogliare i visitatori del Friuli Venezia Giulia a conoscere e assaggiare i sapori che cuochi e ristoratori sanno proporre, fidelizzando attraverso il gusto locale sia i turisti occasionali sia quelli che scelgono di soggiornare in regione. Un modello che si rivela particolarmente significativo in una stagione non facile, a causa degli effetti della pandemia, come quella 2020.

Sono questi i concetti emersi nel corso della presentazione del volume della monografia Mappa del sapore dedicata a Lignano Sabbiadoro, avvenuta sulla Terrazza Mare, alla quale hanno partecipato l'assessore regionale alle Attività produttive e il presidente del Consiglio regionale.

Durante l'illustrazione del volume, una guida ai luoghi della ristorazione che intende agevolare nella scelta i visitatori della città balneare, è stato evidenziato che l'obiettivo degli operatori turistici, non soltanto nel 2020 ma anche in futuro, deve essere quello della qualità.

Nello specifico è stato spiegato che in un anno difficile come quello attuale, con un bilancio dell'andamento della stagione estiva meno confortante rispetto alle previsioni, in particolare a causa dell'assenza dei turisti stranieri, occorre compiere un ulteriore sforzo per mantenere vive le località turistiche regionali, continuando a proporre un'offerta di qualità agli ospiti e ai potenziali visitatori. Un impegno che deve vedere uniti operatori e istituzioni, le quali si stanno adoperando per innovare, sburocratizzare e snellire l'apparato e le procedure amministrative, come dimostra la ricostruzione in soli 60 giorni del pontile del faro rosso di Lignano Sabbiadoro.

La Regione ha seguito l'evolversi dell'emergenza coronavirus e i suoi effetti sull'economia locale fin dalle prime fasi, predisponendo interventi tampone a sostegno delle situazioni meno facili e ora guarda con fiducia ai nuovi finanziamenti ottenuti dall'Unione europea e auspica che il loro utilizzo sia mirato a interventi e opere che assecondino e garantiscano la ripresa e lo sviluppo anche in Friuli Venezia Giulia. ARC/CM/ma



In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento