Turismo: prezioso volontariato per recupero ex caserma Patussi a Reana

Reana del Rojale (Ud), 16 set - La Regione considera molto importante l'opera dei volontari che si sono presi cura dell'agibilità e della manutenzione della ex caserma Sante Patussi di Reana del Rojale e considera interessante la possibilità di utilizzo della vasta area con finalità espositive per la collezione di mezzi militari restaurati dall'associazione Cingoli e ruote per conoscere la storia (Crcs).

Lo ha evidenziato oggi l'assessore regionale alle Attività produttive e Turismo nel corso della visita che ha svolto alla struttura, che complessivamente occupa 100 mila metri quadrati di superficie al confine tra i comuni di Reana del Rojale e di Tricesimo.

A mostrare parte della ricca collezione di automezzi restaurati dai soci dell'Associazione, che conta un'ottantina di aderenti e che detiene una concessione triennale per l'utilizzo di 33 mila metri quadri della ex struttura militare, è stato il presidente Alessandro Mindotti, accompagnato dal sindaco di Reana del Rojale ed esponenti della Giunta comunale.

Sono un centinaio i mezzi e i reperti bellici di interesse storico, per la gran parte risalenti alla Seconda guerra mondiale, che partecipano spesso a rievocazioni e sfilate in Italia e all'estero, tra cui l'anniversario del D-Day in Normandia.

L'interesse suscitato in scolaresche e appassionati è crescente e dimostrato anche dalla capacità di attrazione di visitatori: lo scorso anno all'open day nella ex caserma hanno partecipato oltre 3.500 persone. ARC/EP/ma



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Prot. civile: Riccardi, orgogliosi per aiuto comunità Castelsantangelo

  • Ambiente: Scoccimarro, lavoriamo per una regione sempre più verde

  • Montagna: Zilli, proposte sostenibili del territorio per rilancio

  • Turismo: Bini, Pordenone Calcio a Lignano aumenterà attrattività

  • Lavoro: Rosolen, da Governo misure più efficaci contro sfruttamento

  • Sport: Gibelli, intesa con Coni su sanificazione palestre scolastiche

Torna su
TriestePrima è in caricamento