VERTENZA NIDEC: BOLZONELLO, MASSIMA ATTENZIONE DA PARTE DELLA REGIONE

Pordenone, 28 lug - "L'Amministrazione regionale segue con molta attenzione questa vertenza che riguarda un'importante realtà dell'indotto del settore elettrodomestico: un settore molto importante che vede già attivi gli strumenti di Rilancimpresa FVG e l'impegno della Regione Friuli Venezia Giulia per il rilancio del settore".

Lo ha sottolineato il vicepresidente della Regione e assessore alle Attività produttive Sergio Bolzonello al Tavolo di crisi dell'Azienda Nidec Sole Motors, al quale hanno partecipato oggi a Pordenone i rappresentanti dell'Amministrazione regionale, dei lavoratori e dell'impresa.

Il Tavolo, richiesto dalle organizzazioni sindacali, è stato convocato da Bolzonello per fare il punto della situazione e verificare le possibili soluzioni. La Nidec Sole è un'Azienda leader nella produzione e commercializzazione di motori elettrici per lavastoviglie, dryer (asciugatrici) e lavatrici. Al centro dell'attuale vertenza alla Nidec, che ha visto anche scioperi e rallentamento della movimentazione delle merci, è il Piano industriale presentato dall'Azienda lo scorso maggio, che prevede una significativa riduzione della forza lavoro, a fronte di un efficientamento delle attività per mantenere la produzione e le posizioni di mercato.

Le parti hanno esaminato la situazione. Rimarcando la preoccupazione per l'annunciata riduzione dei dipendenti (l'Azienda ha dichiarato 157 esuberi su 409 dipendenti), le parti hanno chiesto l'intervento della Regione cercando di individuare le soluzioni alla vertenza anche nel quadro degli ammortizzatori disponibili e richiamando l'attenzione sulla situazione del settore e sull'importanza dell'innovazione e delle possibilità di sviluppo dei nuovi prodotti negli stabilimenti regionali.

Il vicepresidente ha ricordato l'impegno della Regione per la predisposizione di strumenti di supporto anche nel quadro della programmazione comunitaria, specie a favore dell'innovazione di processo e di prodotto che, nei limiti imposti dalla normativa comunitaria, devono produrre effettivi impatti sulla competitività delle imprese e sulle produzioni da mantenere sul territorio. In questo senso, l'azione della Regione a favore del settore, anche con fondi nazionali e comunitari, è indirizzata alla competitività delle aziende ed è fondamentale anche per dare prospettive di sviluppo.

Rassicurando i presenti sul mantenimento della produzione in Italia, l'amministratore delegato dell'Azienda Valter Taranzano ha sottolineato la volontà "di stabilizzare" l'attività della fabbrica sui volumi attuali, corrispondenti alla produzione annua di circa 3,6 milioni di motori elettrici.

I 13 milioni di euro d'investimenti, previsti dal Piano industriale dell'Azienda, serviranno a realizzare tre nuove linee produttive che richiedono un minore utilizzo della forza lavoro, ma pongono le premesse per mantenere la produzione in regione. I rappresentanti sindacali (tra gli altri, Felice Marcon per FIOM CGIL, Felice Iannelli per UILM UIL e Piccinin Giovanni per FIM CISL, Giuliana Pigozzo per CGIL) hanno analizzato le prospettive economiche di sviluppo del settore soffermandosi principalmente sugli aspetti occupazionali della crisi.

"La Regione è presente al Tavolo di crisi - ha rimarcato il vicepresidente Bolzonello - sia per favorirne la composizione anche nel quadro dei possibili ammortizzatori attivabili, sia per sostenere fattivamente il settore, nel quadro delle Politiche industriali, come già avviato anche nel quadro della normativa europea. In questo senso la Regione si impegna a svolgere un ruolo importante per supportare la soluzione della vertenza anche nell'ambito complessivo del rilancio del settore e della filiera locale dell'indotto".

ARC/MCH



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vaccini: Riccardi, 13/4 agende aperte per inoculazioni palestra Sacile

  • Protezione civile: Zilli a trentesimo fondazione gruppo di Mortegliano

  • Enti locali: Roberti, condividere iter di riforma tributi immobiliari

  • Banda ultralarga: Fedriga, soddisfazione per completamento rete Fttx

  • Attività produttive: Bini, 1 mln a Pmi per investimenti tecnologici

Torna su
TriestePrima è in caricamento