Viabilità: Pizzimenti, 1,5 mln euro per sicurezza piccoli Comuni

Udine, 6 set - Con uno stanziamento di 1.5 milioni di euro saranno soddisfatte le richieste dei primi 18 Comuni inseriti nella graduatoria, approvata oggi dalla Giunta regionale, volta a finanziare interventi urgenti sulla viabilità comunale e la messa in sicurezza delle infrastrutture stradali nei casi di pericolo per l'incolumità pubblica.

A comunicarlo è l'assessore a Infrastrutture e Territorio del Friuli Venezia Giulia, Graziano Pizzimenti, che ricorda la possibilità per l'Amministrazione regionale, prevista dalla legge regionale 29/2018, di finanziare opere urgenti nei casi di pericolo per l'incolumità pubblica, compresa la manutenzione straordinaria, fino a un massimo di 100mila euro per singolo intervento. Possono ottenere i finanziamenti i Comuni con popolazione inferiore a 3mila abitanti che hanno inoltrato l'istanza.

"Sono state 47 le domande presentate per la richiesta di contributo e - indica Pizzimenti - sono 38 i Comuni in graduatoria per l'assegnazione delle risorse. Con l'odierna approvazione della graduatoria e del relativo riparto dei fondi, abbiamo deliberato di prenotare la spesa di 1,5 milioni di euro sul bilancio pluriennale 2019-21 in conto competenza, in maniera da accogliere le prime 18 domande".

"Da oggi - rimarca l'assessore Fvg - diamo risposta alle esigenze di 18 Comuni ma auspichiamo di riuscire a scorrere la graduatoria con le risorse in legge di Stabilità e coprire tutte le domande. Il provvedimento era necessario visto che con la soppressione delle Province le Amministrazioni comunali non avevano più la possibilità di accedere a contributi di questo tipo ed erano in difficoltà soprattutto su opere quali le asfaltature delle strade di loro competenza. Con i fondi messi a disposizione - conclude Pizzimenti - abbiamo dato respiro ai centri minori che per questi piccoli interventi non disponevano di risorse".

Saranno accolte integralmente le istanze dei primi 17 Comuni (Vivaro, Morsano al Tagliamento, Bicinicco, Turriaco, Faedis, Sequals, Paluzza, Moimacco, San Pier d'Isonzo, San Vito al Torre, Santa Maria la Longa, Mariano del Friuli, San Pietro al Natisone, Villesse, Prato Cranico, Enemonzo e Visco) e parzialmente la richiesta di Precenicco. ARC/LP/fc



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Covid: Fedriga, serve evidenza scientifica su impatto riaperture

  • Salute: Riccardi, dal 2 marzo riparte ortopedia a San Daniele

  • Carburanti: Scoccimarro, prorogato di un mese super sconto Zona 1

  • Enti locali: Roberti, accordo Comuni Collio dimostra efficacia riforma

  • Cultura: Gibelli, dal 1/3 15 giorni per domande ristori fondo perduto

  • Covid: Riccardi/Roberti, bene adesione vaccinazioni forze dell'ordine

Torna su
TriestePrima è in caricamento