VITIVINICOLTURA: SHAURLI, DA INDAGINE NAC SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO

Udine, 22 novembre - "Nel ringraziare le Forze dell'Ordine per il loro lavoro, credo opportuno chiarire che si tratta di un'indagine che nella nostra regione ha individuato esclusivamente irregolarità di tipo amministrativo e non ha nulla a che vedere con qualità e salubrità dei nostri vini".

Lo afferma l'assessore regionale alle Risorse agricole del Friuli Venezia Giulia Cristiano Shaurli, in merito all'operazione condotta dal Nucleo Antifrodi dei Carabinieri (NAC) che ha ispezionato 18 aziende delle province di Udine e Gorizia nell'ambito dei controlli a tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche della produzione di vini di pregio. L'indagine ha portato al sequestro di 22.000 litri di vino privi di documentazione contabile.

"L'attività di indagine - spiega Shaurli - rientra nel controllo continuo che riguarda l'intero territorio nazionale e che presenta per il Friuli Venezia Giulia una situazione sostanzialmente positiva, che conferma la trasparenza del comparto: vanno infatti tenuti in considerazione i volumi complessivi del settore vitivinicolo, ossia oltre 4.500 aziende e una produzione di oltre 1.872.000 ettolitri di vino - per capire l'entità della percentuale delle aziende coinvolte da irregolarità amministrative".

"Queste notizie ci convincono ancor più che una filiera vitivinicola finalmente unita, che questa settimana ha visto i primi vini certificati DOC Friuli, è il miglior strumento per superare anche i residuali, seppur non giustificabili, problemi di natura amministrativa", conclude Shaurli.

ARC/EP



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Vaccinazioni: Riccardi, superate le 22mila adesioni nella fascia 60-69

  • Vaccini: Riccardi, 13/4 agende aperte per inoculazioni palestra Sacile

  • Cultura: Gibelli, bando Diva opportunità per innovare settore creativo

  • Protezione civile: Zilli a trentesimo fondazione gruppo di Mortegliano

Torna su
TriestePrima è in caricamento