VITIVINICOLTURA: SHAURLI, VINO NATURALE TRA TRADIZIONE INNOVAZIONE

Cividale del Friuli, 25 giugno - "Border Wine è occasione nuova e forse inedita per celebrare il territorio e uno dei suoi prodotti più tipici, il vino, perché mette insieme due peculiarità del Friuli Venezia Giulia: la consapevolezza che per essere competitivi occorre puntare sulla qualità e raccogliere nuove sfide, come quelle dei vini naturali e biologici; e parallelamente lo scambio di buone prassi tra produttori di realtà diverse, in una regione di confine, dove si incontrano tre grandi culture europee, latina, slava e germanica".

Lo ha affermato l'assessore regionale alle Risorse agricole Cristiano Shaurli, intervenendo oggi a Cividale del Friuli (UD) all'inaugurazione di Border Wine, primo Salone transfrontaliero dedicato al vino naturale, il vino coltivato e prodotto con il minor numero possibile di interventi in vigna e in cantina, l'assenza di additivi chimici e di manipolazioni da parte dell'uomo. Protagonisti dell'evento, tra oggi e domani domenica 26 giugno, una trentina di viticoltori provenienti da Italia, Austria e Slovenia, che espongono e fanno degustare i propri vini nella cornice del medioevale Castello di Canussio.

Iniziativa di tre giovani imprenditori friulani, Valentina Nadin, Luca Bernardis, Fabrizio Mansutti, Border Wine guarda al passato, ovvero al "fare le cose come una volta", con lo sguardo convintamente proiettato a un futuro di sostenibilità e di rispetto dell'ambiente naturale e delle sue risorse. "Il vino naturale - ha spiegato Fabrizio Mansutti - nasce dall'amore per la terra, dalla passione per una produzione che alle tecniche dell'agricoltura naturale unisce la totale assenza di sostanze addizionate al mosto; dunque nessun correttore di acidità, anidride solforosa o coadiuvanti vari. Un vino che si ottiene partendo da un'accurata scelta dei terreni e dal rispetto della loro biodiversità, che rigetta i pesticidi ed esclude ogni tipo di manipolazione chimica o fisica".

"Metodi - ha aggiunto - che portano i vignaioli a correre molti rischi, poiché il percorso è complesso e non sempre chiaro, per seguirlo occorre un'ampia consapevolezza e conoscenza sia in vigneto che in cantina. Ma siamo convinti che tutto sarà foriero di risultati lusinghieri".

"Questi produttori - ha evidenziato l'assessore Shaurli - hanno scelto di riscoprire dei processi che derivano dalla storia e dalle tradizioni della vitivinicoltura della nostra regione. Percorsi dimenticati, come la macerazione sulle bucce, che stanno trovando nuova linfa. Una scelta coraggiosa che, coniugando innovazione a tradizione, va incontro alle esigenze dei consumatori che sempre più cercano prodotti sostenibili, che offrano garanzia di salubrità e di tracciabilità. Una scelta che può rivelarsi vincente. Compito delle istituzioni è accompagnare e facilitare questi percorsi".

L'etica ambientale e la difesa dell'integrità del territorio, sono dunque il filo conduttore di questa manifestazione nel corso della quale, tra oggi e domani, oltre a degustazioni e proposte gastronomiche, sono previsti anche incontri e conferenze con i produttori, con gli enologi e con i sommelier  per approfondire o iniziare a conoscere le caratteristiche dei vini naturali, saperne di più sui solfiti e su allergie e intolleranze alimentari, di cui sempre più persone soffrono.

All'inaugurazione hanno partecipato, tra gli altri, l'assessore comunale alla Cultura e alle Attività produttive Angela Zappulla, che ha ricordato come ricorrano proprio oggi i cinque anni dal riconoscimento di Cividale quale patrimonio mondiale dell'UNESCO, e Sergio Paroni, della Banca Popolare di Cividale, uno dei sostenitori dell'iniziativa.

ARC/PPD



In Evidenza

I più letti della settimana

  • Salute: Riccardi, primo confronto su Rar con sindacati medici

  • Corpo forestale: Zannier, confermati funzioni e compiti

  • Ristori: Bini, domani al via le liquidazioni a oltre 6mila richiedenti

  • Covid: Riccardi, macchina vaccinale Fvg modulata a flussi consegne

  • Omnibus: Callari, soddisfazione per approvazione norme Cuc e demanio

  • Ristori: Bini, da Commissione ok a fondi per frasche, osmizze, private

Torna su
TriestePrima è in caricamento