1 Maggio, Tuiach: «Io sono figlio di un esule istriano, mi sento in dovere di proteggere il mio paese» (VIDEO)

«La nostra storia è ancora poco conosciuta ma il primo Maggio del '45 i socialisti-nazionali titini sono arrivati a Trieste e i nostalgici anti italiani ancora li rimpiangono sventolando le loro bandiere»

«Quest'anno passo il primo Maggio assieme ai patrioti! La nostra storia è ancora poco conosciuta ma il primo Maggio del '45 i socialisti-nazionali titini sono arrivati a Trieste e i nostalgici anti italiani ancora li rimpiangono sventolando le loro bandiere». Ha dichiarato Tuiach oggi, 1 Maggio, in piazza Sant'Antonio, punto di ritrovo per l'Associazione Trieste Pro Patria. «Io sono figlio di un esule istriano e per questo ancora di più mi sento in dovere di proteggere il mio paese»

«Accogliamo i migranti ma abbiamo i nostri disoccupati. Li accogliamo e li facciamo lavorare sottocosto: un esempio è proprio qui alla Fincantieri di Monfalcone - ha aggiunto Tuiach- Questa sinistra arcobaleno anti italiana vuole distruggere la nostra italianità, la nostra ideneità. È un crimine. Dobbiamo combatterla altrimenti non esisterà più nulla per i nostri figli»

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Way of life" vince la Barcolana 51 (FOTO E VIDEO)

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • Accoltellamento in scala dei Giganti: un 17enne italiano in prognosi riservata

  • Barcolana 51: i primi 10 classificati (FOTO)

  • Aggressione a colpi di martello a Ponziana, due persone a Cattinara

  • Giovane di 15 anni confessa l'accoltellamento: l'accusa è di tentato omicidio

Torna su
TriestePrima è in caricamento