menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Futuro Generali, 100 senatori interrogano il ministro Padoan

Interrogazione urgente del senatore triestino Russo: «La politica vigili affinché questa non diventi un'operazione di guadagno per pochi sulle spalle di un Paese intero»

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan è stato interrogato dal senatore triestino Francesco Russo in merito al futuro del gruppo Generali.
«Non ci possono e non ci devono essere interferenze di alcun tipo con operazioni di mercato - precisa Russo - ma chi rappresenta i cittadini ha il dovere di vigilare affinché la partita sul Leone di Trieste non si concluda con la vittoria di pochi privati e la sconfitta di lavoratori e piccoli risparmiatori». 

L'interrogazione ugente è stata sottoscritta da 100 senatori di tutte le forze politiche e dai Presidenti delle Commissioni Bilancio (Tonini), Finanze (Marino) e Industria (Mucchetti) del Senato, e pretende di fare chiarezza sulla paventata cessione di alcuni beni del grande gruppo a competitor esteri. Il tema è di particolare rilevanza perché Generali detiene una grossa porzione dell'economia italiana, con la sua presenza in più di 60 paesi e oltre 70 miliardi di investimenti in titoli di Stato.

Russo, soddisfatto per la massiva adesione che travalica le divisioni poitiche, dichiara infine:«L’interrogazione urgente che ho presentato (sottoscritta da oltre 100 colleghi) chiede al Ministro Padoan quali iniziative intenda intraprendere per preservare l’italianità di Generali e, soprattutto, come il Governo intenda tutelare l’occupazione delle migliaia di dipendenti italiani del Gruppo».

Tra i 110 firmatari si segnalano: la vicepresidente Lanzillotta, i presidenti di Commissione Mauro Marino (Finanze e Tesoro); Mucchetti  (Industria, commercio e Turismo) Tonini (Bilancio) Chiti (Politiche Unione europa); De Biasi (Igiene e sanità); Latorre (Difesa)  Marinello (territorio, ambiente), oltre che l’ex Ministro dell’Economia Tremonti, l’ex Ministro delle Riforme Quagliariello, il giuslavorista Ichino, l’ex Ministro dell’Istruzione Giannini, il senatore Zavoli, i capigruppo Barani (Ala); Bianconi (Area popolare); Bonfrisco (Conservatori e Riformisti), Centinaio (Lega); Paolo Romani (Forza Italia); Zeller (Autonomie).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento