Politica

«5 mila euro per garante detenuti, zero per parchi gioco e marciapiedi a pezzi»

Attacco del segretario leghista Pierpaolo Roberti alla Giunta comunale in merito alla nomina del nuovo garante per i detenuti: «Margini di intervento per pubblica amministrazione ci sono sempre, si tratta solo di volontà politica»

«Quando si tratta di pulire una scritta su un muro, di rimettere a posto un marciapiede o di sistemare dei parchi giochi per bambini, il sindaco uscente e i suoi assessori non fanno altro che ricorrere al mantra del patto di stabilità, dimenticandosi che il Partito Democratico che governa Trieste è lo stesso che a livello nazionale ed europeo ha imposto la politica del cieco rigore allo Stato e agli enti locali». È quando scrive in una nota Pierpaolo Roberti, segretario cittadino della Lega Nord.

«Eppure – affonda il colpo il Roberti - i margini di intervento per una pubblica amministrazione ci sono sempre e comunque: si tratta esclusivamente di volontà politica e di assegnare un ordine di priorità alle azioni da calendarizzare».

«Accade così che, mentre per i nostri cittadini non si trovano i soldi, vengono spesi oltre 5mila euro per pagare un “garante per la tutela Roberti Lega Norddei diritti dei detenuti”. Uno spreco a tutto tondo, che non solo la dice lunga su quali siano le priorità di questa Giunta ma che, ponendone in discussione l’operato, deliberatamente umilia le forze dell’ordine che svolgono scrupolosamente il loro dovere nelle case circondariali».

«Ritengo pertanto che la decisione della Giunta sia profondamente sbagliata – conclude Roberti - e mi impegno, a partire dal 2016, ad abolire tale inutile figura dal lungo elenco di consulenze che erediterò dal sindaco uscente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«5 mila euro per garante detenuti, zero per parchi gioco e marciapiedi a pezzi»
TriestePrima è in caricamento