Politica

Il bisticcio tra Serracchiani e Fedriga: "Eviti apprezzamenti personali"

Continua la polemica politica sulla situazione della Questura di Trieste. La deputata del Pd: "A fronte di notizie pubbliche non si reagisce con una telefonata ma con atti pubblici". Intanto la Polizia continua a lavorare

Non si placano le polemiche tra la deputata del Partito Democratico Debora Serracchiani e il Presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga. LA questione, rimbalzata ieri, riguarda le 77 unità che verrebbero a mancare alla Questura di Trieste, secondo un rapporto che la deputata Dem conoscerebbe e che vorrebbe tagli importanti alla Polizia del capoluogo regionale, mentre Fedriga risponde con un secco "eviti di fare figuracce e si informi". Dopo la risposta di ieri ecco il gioco delle repliche e delle controrepliche, per cui in tarda serata ieri si è giunti ad un'ulteriore risposta dell'ex Presidente del FVG. 

Il battibecco va avanti

"Spiace che il presidente Fedriga mi attribuisca l'invenzione di quanto è pubblicato sui quotidiani, che è attribuito al Viminale e di cui i sindacati di Polizia si sono preoccupati. Il tono poco composto della sua replica lascia dubitare della sicurezza con cui viene formulata". Così la deputata del Pd Debora Serracchiani, in risposta al presidente della Regione Massimiliano Fedriga, che smentisce il taglio di personale alla Questura di Trieste.

"A fronte di notizie pubbliche - aggiunge Serracchiani -  non si reagisce con una telefonata ma con atti pubblici, possibilmente evitando apprezzamenti personali che nulla hanno a che fare con la politica. Un tanto per il futuro". Intanto i poliziotti continuano a svolgere il loro lavoro come sempre. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bisticcio tra Serracchiani e Fedriga: "Eviti apprezzamenti personali"

TriestePrima è in caricamento