Venerdì, 18 Giugno 2021
Politica

Aggressione Forze dell'ordine, Roberti: «Alla violenza di quel marciume si risponde con le bastonate»

«Chi non vuole prendere una manganellata deve solo preoccuparsi di non spaccare vetrine, lanciare sassi o aggredire le Forze dell’Ordine»

«Scene come quella di Piacenza, con il carabiniere accerchiato e picchiato da quei delinquenti, non devono accadere più. Dal 5 marzo mani libere alle forze di polizia, alla violenza di quel marciume si risponde con le bastonate». Pierpaolo Roberti commenta duramente l'ultimo episodio che si è verificato a Piacenza, luogo della manifestazione degli antifascisti, nel corso della quale, una squadra di carabinieri prima e uno degli stessi militari dopo, sono stati massacrati con calci pugni e bastonate.

Potrebbe interessarti: https://www.triesteprima.it/politica/violenza-contro-le-forze-dell-ordine-ugl-fsp-stufi-di-essere-usati-come-sfogo-sociale.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/TriestePrimait/34456368401

«Chi non vuole prendere una manganellata deve solo preoccuparsi di non spaccare vetrine, lanciare sassi o aggredire le Forze dell’Ordine» ha concluso Roberti..

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione Forze dell'ordine, Roberti: «Alla violenza di quel marciume si risponde con le bastonate»

TriestePrima è in caricamento