Alternativa Tricolore: «Intitolare una strada in ogni città alle vittime dei migranti»

È quanto richiede Alternativa Tricolore: «Non si tratta di pura demagogia ma di piccolo gesto per tenere viva la memoria di queste persone morte per la violenza da parte di quelli che continuano a sbarcare sulle nostre coste»

«Ormai non fa più notizia, purtroppo le vittime dei migranti sono all'ordine del giorno, ma la cosa che più ci fa rabbia è il fatto che sono le stesse istituzioni a dimenticare». È quanto richiede  Luigi Cortese, Segretario Nazionale di Alternativa Tricolore.

«Per questo motivo- continua la nota - , in questi giorni, tutte le Federazioni di Alternativa Tricolore presenteranno nei rispettivi comuni la richiesta di intitolazione di una strada, piazza o giardino alle VITTIME DEI MIGRANTI».

«Non si tratta di pura demagogia - spiega Cortese - , ma di un piccolo gesto per tenere viva la memoria di queste persone morte per  la violenza e il non rispetto delle regole da parte di quelli che continuano a sbarcare sulle nostre coste, siamo in piena emergenza ma per le istituzioni questa emergenza viene additata come xenofobia».

«L'Italia non è mai stato un paese razzista - sottolinea la nota - , se oggi il sentimento di rabbia sta crescendo è colpa di chi dovrebbe vigilare e non lo fa, siamo vittime dei nostri stessi governanti che ci hanno svenduto per il vile denaro, denaro che incassano grazie alle loro associazioni e cooperative che guadagnano dall'affare IMMIGRAZIONE».

«Noi di Alternativa Tricolore - conclude la nota chiediamo l'intervento dell'ANCI, nella persona del suo Presidente On. Fassino, perché questa nostra richiesta sia supportata ed accolta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Conte: "Se continuiamo così, in due settimane tutte le regioni saranno gialle"

  • Rapina da 195 mila euro a Pola, la fuga e l'arresto sul confine: in manette due poliziotti e un carabiniere

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Vietati spostamenti tra regioni, ecco il nuovo Dpcm: cosa cambia

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Carenza di vitamina D: come riconoscerla e rischi per la salute

Torna su
TriestePrima è in caricamento