menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Amministrative 2016, Roberti: «Dipiazza sia garante coalizione, non candidato sindaco»

Pierpaolo Roberti apre la porta a Roberto Dipiazza quale elemento di garanzia e transizione per avviare una nuova stagione politica: Per vincere a mani basse già al primo turno, a primavera 2016 è necessario riunire i vari pezzi del centrodestra attorno a un progetto comune»

«Dipiazza è una risorsa per Trieste, ma la storia dello sport è ricca di grandi imprese». Pierpaolo Roberti apre la porta a Roberto Dipiazza quale elemento di garanzia e transizione per avviare una nuova stagione politica.

«Per vincere a mani basse già al primo turno, a primavera 2016 è necessario riunire i vari pezzi del centrodestra attorno a un progetto
comune di cui la Lega, forte del proprio consenso e radicamento, può farsi promotrice».

«La disponibilità dell'ex sindaco a rimettersi in gioco per liberare Trieste dall'attuale amministrazione - prosegue Roberti - va letta pertanto come un dato positivo, ma ogni uomo ha la sua stagione e in ogni stagione egli deve trovare il proprio ruolo».

«La lunga esperienza politica, le capacità, le motivazioni e la buona amministrazione che ha caratterizzato i suoi tre mandati tra Muggia e Trieste fanno di Dipiazza il perfetto garante per la riunificazione del centrodestra e per la transizione verso una nuova stagione in cui la nostra città sappia tornare protagonista». roberti felpa elezioni 2016-2

«In tale ottica, ringraziando Bandelli, Savino e Scoccimarro per gli attestati di stima, ritengo perciò che il ruolo migliore di Dipiazza, sia
per il bene di Trieste che per quello della coalizione, non sia più quello di prima punta ma di metronomo del centrocampo».

«Quanto ad eventuali primarie, certamente non mi tiro indietro e anzi sono estremamente orgoglioso di essere stato paragonato dall'ex sindaco alla nostra amata Triestina. Squadra che, ricordo, pur essendo meno blasonata del Milan, ha già regalato diverse sorprese nel corso della sua lunga e gloriosa storia. Non è detto -conclude Roberti- che imprese come il 6-2 a Torino contro la Juventus non si ripetano».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento