Politica

Ater, Dal Zovo (M5S): «In 9000 chiedono ricalcolo canone, bastava simulazione»

«L'introduzione del nuovo calcolo ha portato disagi agli inquilini, che si sono visti anche quintuplicare l'affitto della propria abitazione»

Ilaria Dal Zovo, consigliera regionale del MoVimento 5 Stelle, non si ferma e sul ricalcolo dei canoni Ater interroga nuovamente la Giunta Serracchiani per conoscere quanti sono, a oggi, gli inquilini Ater già contattati in ogni provincia per permettere a queste persone di beneficiare della revisione del canone. «L'introduzione del nuovo calcolo, dal 1° gennaio 2017, ha portato non pochi disagi agli inquilini degli alloggi Ater, che si sono visti anche quintuplicare l'affitto della propria abitazione. L'introduzione del parametro Isee come indicatore, ha fatto salire i canoni in maniera esorbitante, creando disagi, notti insonni e molti mal di pancia ai cittadini che usufruiscono degli alloggi Ater».

«I più colpiti sono stati i nuclei unipersonali, proprio quelli che l'assessore voleva tutelare maggiormente con questa modifica, quando parlava di canone equo. Solo dopo molte segnalazioni l'assessore si era reso conto che qualcosa non aveva funzionato e aveva dato mandato ai direttori delle Ater di valutare caso per caso e di apportare tutti i correttivi necessari per risolvere il problema, arrivando persino a stanziare 2 milioni di euro per far fronte alle diminuzioni causate dal ricalcolo».

«Nonostante l'assessore Panontin, rispondendo alla nostra interrogazione, in Aula abbia snocciolato numeri all'apparenza consistenti, restiamo del parere che con una simulazione preventiva tutto questo disagio alla cittadinanza si sarebbe potuto evitare. Questi dati ci devono ancora una volta far pensare, quanto sia necessaria una valutazione preventiva quando si introducono riforme così importanti e strutturali. La valutazione preventiva si inserisce nella prima fase del ciclo del progetto: l'identificazione. La valutazione fatta in questo momento, ha come finalità quella di valutare preliminarmente e in modo astratto il progetto così come identificato».

«In questo modo è possibile già in fase di identificazione correggere alcuni aspetti del progetto che palesemente potrebbero inficiarne la realizzazione o produrre effetti negativi sugli utilizzatori finali. Sono ben 9.000 le persone che finora hanno chiesto aiuto alle Ater per ricalcolare l'affitto. Crediamo che tutto questo si poteva evitare - conclude Dal Zovo - se solo si fosse agito con più calma e con maggior attenzione nei confronti di coloro che usufruiscono di alloggi di edilizia pubblica. Cittadini che, lo sappiamo bene, non sono di certo abbienti».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ater, Dal Zovo (M5S): «In 9000 chiedono ricalcolo canone, bastava simulazione»

TriestePrima è in caricamento