menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Muggia: approvati gli attraversamenti rialzati davanti agli istituti scolastici del centro

Tre attraversamenti pedonali rialzati dinnanzi alle scuole Bubnic, N.Sauro ed all’asilo Iacchia in pronta realizzazione. Opera molto sentita e di indubbio valore per la sicurezza di genitori e figli. L'assessore Finocchiaro: «Ci si è impegnati a redigere un piano della mobilità che impegnasse il Piano regolatore generale a tutelare una mobilità sostenibile»

“Via d'Annunzio la mattina verso le 7.30 ....si corre alla grande! "
“Ma via XXV Aprile e via d'Annunzio sono piste da corsa dove sarebbe necessaria la safety car. Ci sono le scuole, gli asili dove i bimbi possono facilmente divincolarsi dalla presa della mamma o da chi lo accompagna, anziani che attraversano, animali domestici. Qualcosa si dovrebbe fare”
“E dopo i se incioda de colpo in mezzo alla strada, dove xè gente che porta i fioi a scuola, in modo selvaggio"
“In viale D’Annunzio…me par tutti matti i vien zo come bolidi" 
 “Soprattutto de mattina, co xe pien de fioi” 

Sono solo alcuni esempi della moltitudine di commenti che si possono trovare facilmente su fb per quanto concerne la situazione della velocità delle auto, troppo spesso sostenuta, in prossimità degli istituti scolastici del centro muggesano. Commenti che sono rappresentativi di quanto pervenuto anche in altre forme all’Amministrazione, da sempre peraltro particolarmente attenta e sensibile sul piano della sicurezza e della difesa delle categorie deboli.

Manovre azzardate, genitori trafelati che cercano parcheggi improbabili, soste di fortuna, zig zag scomposto tra zaini e ragazzi: una situazione cronica di caos quotidiano che si può registrare davanti a tutti gli istituti scolastici nel Paese, a cui però vanno a sommarsi tutti coloro che per fretta o per abitudine calcano troppo spesso il piede sull’acceleratore in zone di massima attenzione. In questo scenario ci si può davvero ritenere fortunati che a Muggia non siano accaduti incidenti di particolare gravità davanti alle scuole, seppure sul territorio di Muggia in generale scontiamo il costo sociale più alto termini di investimenti di pedoni.

Fortuna con la quale, però, non si può e non si vuole minimamente pensare di mettersi in gioco. Ed è per questo che nel tempo, si è tentata ogni soluzione percorribile al fine di rendere il più sicura possibile un’area particolarmente sensibile data la frequenza dei nostri ragazzi per non affidarsi ciecamente solo a tutti gli accorgimenti di buon senso che ciascuno di noi è chiamato, in coscienza, ad avere.

«Perché la sicurezza va messa al primo posto. A maggior ragione quando si tratta di pedoni “fragili” ed a rischio come i bambini» rimarca l'assessore Marco Finocchiaro. «Per questo ci si è impegnati per redigere un piano della mobilità che impegnasse il Piano regolatore generale a tutelare una mobilità sostenibile. L'emendamento presentato in aula il 25 giugno 2014 consente di estendere a tutte le zone omogenee quali la città storica, la città consolidata e la città dei servizi le zone 30 e le zone residenziali (per intenderci il cartello stradale quadrato blu dei due bambini che giocano in strada), quindi non solo in centro ma anche agli altri borghi primari».

Quello che nello specifico, dunque, si andrà prossimamente a realizzare saranno tre attraversamenti pedonali rialzati dinnanzi alle scuole Bubnic, N.Sauro ed all’asilo Iacchia. Attraversamenti che, realizzati con una pavimentazione in cubetti di arenaria, verranno, dunque, rialzati alla stessa quota dei marciapiedi e raccordati con la quota stradale attraverso rampe di adeguata pendenza opportunamente segnalate secondo il codice della strada. Saranno inoltre previsti appositi spazi esterni protetti al fine di garantire ai genitori di attendere gli alunni al termine dell’orario di lezione.

«Un’opera volta a permettere a bambini e genitori di attraversare la carreggiata in sicurezza invertendo la gerarchia d’utilizzo della strada, in quanto sono gli autoveicoli a salire a quota marciapiede e non i pedoni a scendere sulla strada» puntualizza Finocchiaro aggiungendo: «La discontinuità nelle pavimentazioni, con l’inserimento di pavimentazioni in pietra, oltre al valore aggiunto di essere un elemento qualificante sul piano dell’arredo urbano, interverrà nella limitazione della velocità degli autoveicoli».

«Con questo intervento stiamo dando concretezza a quanto avevamo previsto, dando contestuale risposta ad un’esigenza espressa a gran voce dai genitori. Nonostante le rigide norme e pareri interpretativi del codice della strada, che non consentono di porre in opera dossi che creerebbero problemi ai mezzi di soccorso o al trasporto pubblico locale, siamo riusciti ad intervenire senza peraltro creare criticità né a quei mezzi né tantomeno ai carri del nostroCarnevale» spiega l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Muggiafinocchiaro-2 L’opera pubblica, del valore complessivo di 161mila euro, finanziata per circa il 56% da contributo regionale e per il 44% con fondi comunali, ha subito negli anni scorsi varie vicissitudini legate all’incertezza dei finanziamenti e ai problemi di apertura di spazi nei vincoli del patto di stabilità. Il progetto e la direzione dei lavori è stata affidata all’Arch. Michele Morra di Monfalcone, mentre i lavori, a seguito di una gara ad evidenza pubblica, saranno realizzati dalla ditta Costruzioni Isonzo Srl di S.Pier d’Isonzo e dovranno concludersi entro il 31 dicembre di quest’anno. Il progetto inoltre è il primo intervento organico effettuato a Muggia su un percorso in ambito urbano, condiviso con la Consulta Regionale Disabili ed il CRIBA FVG, che migliora l’accessibilità e di fatto rende fruibili alle persone diversamente abili, non vedenti ed ipo vedenti edifici pubblici, quali i plessi scolastici, la stazione delle corriere, il teatro e la nuova biblioteca.

Le opere si sviluppano lungo le vie S.Giovanni e Via G.D’Annunzio sulle quali vengono adeguati i marciapiedi esistenti, le intersezioni stradali, gli attraversamenti pedonali posti dinnanzi le scuole, introducendo una apposita segnaletica orizzontale e verticale ed una delimitazione con paletti metallici dei tratti pedonali adiacenti ai percorsi viari esistenti con l’obiettivo di rendere sicuro un percorso pedonale di collegamento tra tutti gli edifici scolastici presenti sulla via G.D’Annunzio con la stazione delle autocorriere di Piazzale Foschiatti.

Degli interventi che andranno a tutta utilità anche del futuro “PEDIBUS” su cui si sta lavorando, una sorta di “carovana umana” di sicurezza, già fortemente apprezzata nel resto d’Europa, per accompagnare i piccoli a scuola snellendo il traffico in prossimità degli istituti. Sempre che, come nel resto d’Europa, si riesca a reperire l’accompagnamento di adulti volontari: genitori, nonni, amici che credono in questa iniziativa e ne garantiscano il mantenimento non solo insegnando ai bambini a circolare insieme, ma dando un buon esempio a tutta la comunità. «Una sorta di decumano e cardo della mobilità sostenibile” conclude Finocchiaro “dove il pedone viene valorizzato in tutta sicurezza e dove la strada non è solo un privilegio dei mezzi a motore».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento