Martedì, 28 Settembre 2021
Politica

Battista (AUT): «Ministero metta pietra tombale sul rigassificatore»

Intervento del senatore Lorenzo Battista, esponente triestino del Gruppo Parlamentare ‘Per le Autonomie’: «Ho presentato un’ interrogazione al Ministero per chiedere di mettere una pietra definitiva sul rigassificatore di Zaule»

«Ho presentato un’ interrogazione al Ministero dello Sviluppo Economico per chiedere di mettere una pietra definitiva sul rigassificatore di Zaule». Così il senatore Lorenzo Battista, esponente triestino del Gruppo Parlamentare ‘Per le Autonomie’ annuncia la sua interrogazione al MISE, spiegando che «l’impianto, con il suo metanodotto, non ha diritto di cittadinanza all’interno dei progetti per il nuovo porto di Trieste».

«È molto semplice: le attività industriali attualmente in espansione, sui cui punta l’economia dell’intera città, subirebbero un crollo verticale, causato dai lavori di realizzazione prima e dal passaggio delle navi gasiere poi».

«Ma soprattutto  - prosegue Battista - il rigassificatore è un rischio enorme, che non ha alcun senso dover correre: per quale ragione tenere un gigantesco ammontare di gas, proprio accanto al deposito di petrolio della Siot? Nel caso di incidenti ci troveremmo di fronte a scenari incontrollabili”».

Il senatore conclude quindi ricordando che «la Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, e molti degli esponenti amministrativi, istituzionali e politici regionali hanno già manifestato il proprio dissenso alla realizzazione di quest’opera, spero quindi che il MISE non lasci cadere nel vuoto le istanze locali, a solo favore degli interessi della multinazionale spagnola».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Battista (AUT): «Ministero metta pietra tombale sul rigassificatore»

TriestePrima è in caricamento