menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bilancio, oltre 5 mln a Università e ricerca. Panariti: «Impegno importante per il mondo delle professioni»

Grazie al cambio dei regolamenti, è stato facilitato l'accesso alle risorse per la formazione, la maternità e la paternità

«Una legge di Stabilità che concentra un'attenzione speciale al mondo dell'Università con 5 milioni di euro per gli atenei regionali e 500mila euro per infrastrutture di ricerca. Inoltre un impegno importante per il mondo delle professioni: infatti, grazie al cambio dei regolamenti, abbiamo facilitato l'accesso alle risorse per la formazione, la maternità e la paternità».

Così l'assessore regionale a Lavoro, Formazione e Università, Loredana Panariti, nel corso della discussione in Consiglio regionale sulla legge di Stabilità. Oltre a ciò, come ha spiegato Panariti, sono state rafforzate le azioni di sistema che già la Regione mette in campo attraverso il Fondo sociale europeo e che danno un futuro a quei 5mila ragazzi della prima formazione, di cui l'89 per cento lavora o continua gli studi dopo il triennio per la qualifica. Continuano, come ha sottolineato l'assessore, gli interventi indirizzati alle persone più fragili: la riqualificazione professionale per chi ha perso il lavoro e i Lavori socialmente utili, oltre ai Cantieri lavoro e ai Lavori di pubblica utilità.

« Infine sulla scuola–ha concluso Panariti–viene rafforzata l'offerta formativa e con essa i progetti speciali, mentre anche sulle lingue minoritarie l'impegno resta alto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: quasi 5 mila controlli nell'ultima settimana, 37 le sanzioni

  • Cronaca

    In giro con coltello a serramanico: denunciato

  • Cronaca

    Ruba 170 euro di vestiti all'Ovs: denunciato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento