Martedì, 23 Luglio 2024
Politica

«Burlo, riorganizzare sistema sanità per rendere strutture più efficienti»

Lo rilevano in una nota Marco Toncelli - capogruppo PD in consiglio comunale, Aureo Muzzi - vice capogruppo e Giovanni Barbo - presidente prima commissione.

«Il gruppo comunale del Parito Democratico desidera, con alcune precisazioni ed integrazioni, tornare sul tema dell'IRCCS BURLO Garofolo, su cui si è discusso martedì scorso».

Lo rilevano in una nota Marco Toncelli - capogruppo PD in consiglio comunale, Aureo Muzzi - vice capogruppo e Giovanni Barbo - presidente prima commissione.
 
«L’assessore Telesca - continua la nota -  ha ripetuto in Consiglio comunale - dove arriva per la seconda volta confermando, quindi, la sua attenzione - la ferma intenzione della Regione di valorizzare la specificità dell’IRCCS Burlo Garofolo, struttura centrale di eccellenza della nostra Regione, che ha un’importante capacità di attrazione di pazienti extraregionali, a dimostrazione delle notevoli competenze dei professionisti che ivi operano».

«Ora è più che mai necessario - spiegano i tre -  riorganizzare il sistema sanità, eliminando sprechi e  doppioni per reinvestire le risorse così recuperate nelle strutture più efficienti, come il Burlo, attraverso un’analisi dei bisogni di salute e dai dati epidemiologici. Questi consentono di valutare il numero di posti letto realmente necessari a una struttura per lavorare al meglio, anche perché l’importanza di una struttura risiede nella qualità delle prestazioni che vengono rese al paziente e sui risultati di salute. In questo senso va letta la riforma sanitaria regionale, che interviene sulla criticità più evidente, ma da troppo tempo trascurata, la cronicità».

«Questa - continuano - riguarda soprattutto anziani, ma anche giovani in trattamento presso il Burlo stesso. È evidente da tempo ai professionisti e ai pazienti che il miglioramento della rete tra le strutture e i professionisti sanitari, che è previsto dalla riforma sanitaria, favorisce l’eccellenza di questo istituto, che potrà così giovarsi del previsto trasferimento a Cattinara».

«La riforma - sottolineano i componenti PD - prevede comunque successivi momenti di intervento sui temi specifici di tipo assistenziale, come ad esempio l'area materno-infantile, mentre va ricordato che le risorse destinate alla ricerca dipendono da interventi del Ministero e da generose donazioni private, non dalla Regione, essendo un IRCCS. L’assessore ha confermato comunque che saranno possibili risorse maggiori in base al prossimo assestamento di bilancio».

«L’arrivo prossimo - continuano - del nuovo Direttore generale sarà un ulteriore tassello messo da questa giunta regionale per un rafforzamento del Burlo tanto da collegarlo sempre più con la sua regione e con la sua città».
 
«Oggi - conclude la nota -  lo scambio di accuse e di colpe - conclude la nota - non interessa: importante è l'impegno per il futuro ed in questo senso, l'Assessore Telesca, ha già dato alcune prime risposte».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Burlo, riorganizzare sistema sanità per rendere strutture più efficienti»
TriestePrima è in caricamento