menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camber (Pdl): Adottare con Urgenza un Regolamento Sperimentale per i Baby Parking

Non voglio fare la parte di quello che "l'avevo detto io", ma questa volta è proprio così". Ad affermarlo è il consigliere regionale del Pdl Piero Camber che aggiunge. "Già a dicembre avevo predisposto e fatto approvare in Consiglio regionale un...

Non voglio fare la parte di quello che "l'avevo detto io", ma questa volta è proprio così".

Ad affermarlo è il consigliere regionale del Pdl Piero Camber che aggiunge.

"Già a dicembre avevo predisposto e fatto approvare in Consiglio regionale un ordine del giorno con il quale si impegnava la Giunta ad adottare con assoluta urgenza la normativa regolamentare prevista della legge regionale n. 20/2005 sui servizi all'infanzia, per porre rimedio alla situazione di incertezza fa gli operatori con i conseguenti disagi per le famiglie".

"Purtroppo - continua Camber - le notizie di questi giorni ci hanno confermato l'estrema difficoltà a cui devono sottostare i gestori dei Baby parking, strutture nuove e flessibili che si affiancano ai tradizionali asili nido, per dare i servizi alle famiglie. Ed è indubbio che le difficoltà dei gestori hanno le inevitabili ricadute sulle famiglie che vivono una situazione di incertezza sicuramente poco invidiabile".

"Come avevamo evidenziato nell'ordine del giorno di dicembre e come confermato dalle notizie di stampa di questi giorni - aggiunge Camber - i guai stanno verificandosi perché le Aziende sanitarie, che fanno i dovuti controlli sui Baby parking, si trovano senza una specifica normativa di riferimento e quindi operano senza parametri certi; va da se quindi che le Aziende, proprio perché prive di una normativa, tendono a dare interpretazioni restrittive che stanno causando i noti disagi".

"Non so quali studi, approfondimenti, ricerche debbano essere fatti per poter definire i regolamenti della legge 20 del 2005, ma credo che l'assessorato competente debba dare una forte accelerata, anche a costo di adottare un primo regolamento sperimentale, andando poi nei prossimi mesi a fare gli opportuni adattamenti e modifiche".

"Va da se - conclude Camber - che ogni giorno di ritardo rischia di creare difficoltà insormontabili per le molte famiglie che hanno trovato nei Baby parking una ottima soluzione per le rispettive esigenze".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Risi e bisi: la ricetta

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento