menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camber (Pdl): i Tir a Lunga Percorrenza Dovrebbero, da Trieste, Esser Caricati e Viaggiare con il Treno

Pubblichiamo una nota stampa di Piero Camber, consigliere regionale del PDL Il consigliere regionale del PdL Piero Camber chiede in una IRI (interrogazione a risposta immediata) al presidente Tondo e all’assessore Riccardi di intervenire presso...

Pubblichiamo una nota stampa di Piero Camber, consigliere regionale del PDL

Il consigliere regionale del PdL Piero Camber chiede in una IRI (interrogazione a risposta immediata) al presidente Tondo e all'assessore Riccardi di intervenire presso l'Unione Europea, con urgenza, per ottenere al Friuli Venezia Giulia che i camion con destinazione a lunga percorrenza debbano essere caricati su treno dai nostri confini (Fernetti, Rabuiese, Pese, Gorizia e Tarvisio) fino agli autoporti del nord-Italia (Quadrante Europa di Verona, Milano o Torino).

Camber ricorda che così avviene per i mezzi turchi che arrivano con le navi e dal Porto di Trieste raggiungono via treno la Germania.

Questa richiesta scaturisce dalla generale situazione di grossa difficoltà in cui versa il comparto dell'autotrasporto nazionale ma, anche e soprattutto, quello della nostra Regione. E non solo a causa del carocarburante.

Pubblichiamo una noFin dalla caduta delle barriere doganali e del cabotaggio concesso agli autotrasportatori sloveni le nostre imprese si sono trovate davanti ad una concorrenza imbattibile sul piano delle tariffe. Gli sloveni con l'aliquota fiscale inferiore, l'inesistenza dell'Irap, un costo del lavoro inferiore, con la tredicesima mensilità più bassa, l'inesistenza dell'accantonamento per il trattamento di fine rapporto, sono in grado di battere qualsiasi concorrenza italiana.

Così pure i polacchi che dal 1° maggio 2009 possono effettuare anche loro il cabotaggio; così come i bulgari che lo possono fare dal 1° gennaio 2012 e i romeni che lo faranno dalla fine del 2012, mentre fino ad adesso potevano effettuare solo trasporti internazionali di carico/scarico o di transito in Italia. La concorrenza così descritta ha già costretto alla chiusura media, nelle quattro Province regionali, del 30 % delle imprese di autotrasporto.

Va da sé che la situazione è destinata a peggiorare e con essa l'aspetto deleterio dell'aumento del traffico sulle nostre strade ed autostrade sia dal punto di vista ambientale dell'inquinamento che da quello della sicurezza.

Anche in questo senso, dunque, l'interrogazione e la richiesta del consigliere Camber che contribuirebbero a risolvere il forte traffico che sopporta la A4, soprattutto in vista del disagio che i lavori per la terza corsia ci faranno subire; agevolerebbero altresì le forze dell'ordine che, con difficoltà, effettuano i complicati controlli sulla regolarità del cabotaggio secondo il Protocollo d'Intesa di Trieste del 29 ottobre 2010.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento