rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Politica

"Rinascita triestina": «5 domande ai candidati sindaco, poi classifica generale in base a risposte»

comunicato della Pagina Blog RINASCITA TRIESTINA

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

#TriesteAmministrative

QUI SCARICATE LO SLIDE SHOW DEI
CINQUE PUNTI PER TRIESTE:
http://rinascitats.blogspot.it/2016/04/i-candidati-si-pronuncino-pubblicamente.html

Noi chiediamo a tutti i candidati alle comunali di pronunciarsi pubblicamente.

Prima delle elezioni stileremo e pubblicheremo la classifica sulla base delle prese di posizione espresse sui media.

Ecco i "Cinque punti"


1) LEGALITA' E RISPETTO DELLE LEGGI INTERNAZIONALI SU TRIESTE E IL SUO PORTO FRANCO INTERNAZIONALE, a partire dall' applicazione rigorosa dell' Allegato VIII che regola il Porto Franco.


2) ISTITUZIONE DELLA "ZONA FRANCA TERRITORIALE", allargando e unificando i Punti Franchi extradoganali (extra UE) appena disseminati sul territorio con lo "spezzatino" di quello di Porto Vecchio.
Attualmente ci sono ben 10 punti franchi diversi e sono destinati ad aumentare con l' assegnazione degli ulteriori 230.000 mq attualmente in "sospeso".
Si otterrebbe così, con semplice decreto del Commissario del Governo (Prefetto) su richiesta del/i Sindaco/i, un'unica ZONA FRANCA EXTRADOGANALE FUORI DALLA UE comprendente l' intero territorio provinciale- (cui la UE stessa non può opporsi perché derivante dal Trattato di Pace del 1947)- analoga alla zona Franca di Livigno e, come questa, con enormi vantaggi per abitanti ed imprese (esenzione IVA e tasse doganali e territoriale e fiscalità di vantaggio, prezzi bassi di beni e servizi).


3) NUOVO GRANDE TERMINAL PORTUALE SULLE BANCHINE DI SERVOLA E DELLA PIATTAFORMA LOGISTICA, con il RETROPORTO produttivo in Zona Industriale e Noghere, in modo da creare migliaia di posti di lavoro e avviare la riconversione dell' area a caldo della FERRIERA impedendo anche ogni tentativo di mettere in quell' area il RIGASSIFICATORE.Questa soluzione oltre a dare una svolta strategica al Porto e all' economia cittadina, rendendoli protagonisti dei nuovi traffici mondiali, darebbe anche grandi vantaggi ambientali e di lotta all' inquinamento.

4) RIUTILIZZO PRODUTTIVO DI PORTO VECCHIO per farne, con la fiscalità di vantaggio e il regime di Punto Franco, la nostra Silicon Valley, la nostra City e il nostro Distretto Hi-Tech e Nautico creando tanti posti di lavoro QUALIFICATI. Con l' abbinato ACCESSO NORD della Grande Viabilità Il Porto Vecchio Produttivo libererà il Centro, le Rive, Barcola e la Costiera del traffico consentendone lo SVILUPPO TURISTICO E COMMERCIALE, fortemente incentivato anche dai prezzi competitivi dalla Zona Franca Territoriale.


5) TUTTE LE AZIENDE DI SERVIZI PUBBLICI (Acqua,Luce,Gas, Trasporti), LE CASE POPOLARI E LA SANITA' VANNO RICONDOTTE SOTTO IL CONTROLLO DEL COMUNE E DEI CITTADINI.La Regione Friulicentrica non comprende nemmeno le esigenze di Case Popolari, Sanità, Trasporti del nostro territorio ma si arroga il diritto di decidere: ad esempio con tagli inaccettabili alla Sanità e una politica delle Case Popolari che penalizza i nostri concittadini.
I Sevizi Pubblici essenziali devono essere sotto il controllo della nostra comunità e non certo di imprese in cerca di profitti o di istituzioni amministrative estranee, se non ostili, al nostro territorio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rinascita triestina": «5 domande ai candidati sindaco, poi classifica generale in base a risposte»

TriestePrima è in caricamento