Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Cani in cimitero, Pd: «La Lega ha votato contro l'applicazione della Legge Regionale»

«Nessun aumento di spese nè incompetenza territoriale»

«Sono le solite sterili insinuazioni della Lega. Il dato di fatto è che la consigliera Canciani ha votato contro l’applicazione della Legge Regionale 20/12. Infatti, la Lega e tutto il centrodestra hanno espresso voto contrario alle modifiche di adeguamento del regolamento dei cimiteri comunali da noi proposte, pur sapendo della vigenza della Legge regionale 20/12 e successive modificazioni e integrazioni, che autorizza l’accesso dei cani nei cimiteri comunali e obbliga i detentori di animali di affezione alla immediata rimozione delle deiezioni. Impedendo, quindi, ai proprietari di cani e ai loro amici animali di condividere insieme un momento molto importante». Queste le affermazioni del Pd in risposta alla Lega sul divieto di accesso dei cani nei cimiteri comunali.

«Poi in relazione all’aumento di spese di cui fantastica Canciani, si pensi all’accesso dei cani nei giardini pubblici, - contunua-  non risulta che sia stato assunto personale solo per la raccolta deiezioni».
«Riguardo al fatto che il cimitero di S. Anna si trova in Settima Circoscrizione - spiega ancora il Gruppo Consiliare del Pd -, parlare d’incompetenza territoriale è semplicemente ridicolo visto che, anche se la consigliera Canciani sembra non saperlo, il regolamento cimiteri è a arattere generale perché in quel cimitero sono sepolti defunti di tutte le Circoscrizioni della città e non solo della Settima».

«Per la questione sicurezza, - aggiunge - per quanto riguarda la IV Circoscrizione, il gruppo del Pd non si è mai tirato indietro, anzi: è stato promotore di un incontro con il Prefetto e le Forze dell’Ordine per chiedere a quest’ultime come meglio possiamo aiutare, noi consiglieri, loro e i nostri concittadini sulla questione. Abbiamo più volte chiesto la convocazione della Commissione Sicurezza, tanto voluta dalla Lega, ma è stata convocata solo due volte in questi primi 11 mesi e sempre il coordinatore della commissione della Lega era assente».

«Ci siamo opposti alla creazioni delle ‘ronde’ o delle associazioni dei volontari per la sicurezza - prosegue il partito - perché crediamo che l’ordine pubblico non sia una funzione che possa essere affidata ai cittadini ma deve essere competenza delle forze dell’ordine. Abbiamo però sempre appoggiato e promosso interventi concreti in materia di sicurezza come il potenziamento della polizia locale».«Inoltre, la nostra astensione sul regolamento telecamere è dettata dall’assenza del vicesindaco e dal centrodestra che non ha voluto rinviare la seduta per permetterci di organizzarci e saremmo rimasti dentro i tempi indicati per l’emissione del parere».

«Il vicesindaco, infatti, a detta del Presidente sarebbe stato disponibile a venire ( come ha fatto/ farà nella III e VI Circoscrizione). Tra l’altro, il centro città, è la zona dove verranno messe più telecamere rispetto alle altre aree e quindi sarà maggiormente interessata dal provvedimento. Avevamo chiesto - conclude il Pd - che Roberti venisse per fargli delle domande e chiarire alcuni aspetti di un documento sostanzialmente tecnico per meglio capire una questione, la sicurezza, che necessita di ampi e approfonditi ragionamenti, se si vuole dare una risposta concreta ai cittadini. Ciò anche per condividere e ragionare con il vicesindaco di quanto emerso dall’incontro sullo stesso tema con il Prefetto e le forze dell’ordine».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cani in cimitero, Pd: «La Lega ha votato contro l'applicazione della Legge Regionale»

TriestePrima è in caricamento