menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Case di riposo, Ld: «Parificare i contributi regionali per le rette, Trieste penalizzata»

La quota rimborsata dalle rispettive aziende per l'abbattimento tariffario consiste in: 9,21 euro per Trieste, 13,26 per Gorizia, 14,44 per Udine, 15,37 per Pordenone

Parificare il contributo della retta per anziani non autosufficienti nelle case di riposo tra le varie province del Fvg: è questa la richiesta nella mozione urgente presentata dalla consigliera Barbara dal Toè e firmata da altri consiglieri della Lista Dipiazza Francesco di Paola Panteca, Massimo Codarin e Roberto Cason. 

Si riscontrano infatti delle differenze cospicue nei contributi regionali destinati a questi contributi, segnalate sul quotidiao locale da numerose persone, come dichiara dal Toè. «Premesso che il costo medio per ogni giornata in residenza vaia tra gli 80 e i 110 euro - si legge nella mozione - e il 50% spetta alle famiglie mentre il restante 50% è a carico della Regione e le somme erogate sono suddivise in "quota capitaria" e "oneri sanitari" (spese per infermieri, fisioterapisti e farmaci), proprio su queste ultime si riscontrano differenze territoriali, e la quota rimborsata dalle rispettive aziende per l'abbattimento tariffario consiste in: 9,21 euro per Trieste, 13,26 per Gorizia, 14,44 per Udine, 15,37 per Pordenone».

Molto penalizzato, quindi, il capoluogo giuliano, in cui le famiglie, come riportato nella mozione, «sostengono in media una spesa di 1500 euro in più l'anno, a parità di servizi erogati». Si sollecita quindi il sindaco o l'assessore competente a sollecitare la Regione Fvg affinché i contributi per l'abbattimento di questi costi siano omogenei in tutta la regione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento