menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Roberto Cosolini, foto di repertorio

Roberto Cosolini, foto di repertorio

Caso "L'Abbuffata", Cosolini (Pd): «Giorgi fa un "regalo" a chi deve 220mila euro al Comune»

«Un affitto di 10 euro annui per immobile, cucine, frighi, tavoli, attrezzature, autorizzazioni, in uno spazio pubblico è molto distante da quanto pagano i locali per tirare su la famosa saracinesca»

«La mia interrogazione, di cui Il quotidiano locale dà oggi notizia, prospetta la posizione inopportuna dell'assessore Giorgi in merito alla pizzeria dell'Ippodromo, locataria a 10 euro l'anno dell'affitto d'azienda (completo di immobili, attrezzature e arredi, licenze eccetera) da parte di una società che, gestendo l'ippodromo in concessione dal Comune, deve all'Amministrazione ben 220mila euro al 31/12/2017». Lo dichiara il consigliere comunale ed ex sindaco Roberto Cosolini sul suo profilo Facebook in merito alla recente polemica relativa alla pizeria "L'Abbuffata". 

«Giorgi - continua Cosolini - in un suo post mi attacca accusandomi di cercare visibilità, di non saper cosa voglia dire lavorare, di cercare poltrone, di non aver fatto nulla in 5 anni in generale e di aver lasciato crescere il debito. Dei suoi attacchi personali poco mi interessa, ma restano i dati, perché su questi si basa la mia interrogazione. All'Assessore al Patrimonio Giorgi allora dico: è vero che la crisi dell'attività ippica ha fatto sì che il debito del gestore aumentasse anche nei miei 5 anni (ma c'è un lungo elenco di solleciti e incontri), ma "tanto per dir" nel 2017 è aumentato di ben 34mila euro». 

«In questa situazione -conclude l'ex sindaco - mi chiedo se l'assessore trovi normale che con tale difficoltà in aumento il debitore del Comune "regali" ad una nuova impresa, la Gio.Ca.Gio, composta da suoi cari amici,nata un mese prima, l'attività di ristorazione che potrebbe dare un reddito utile ad abbassare il debito verso il Comune, il cui patrimonio Giorgi deve tutelare! Aggiungo a mo di battuta, che nei nostri cinque anni certo né Kraus né Dapretto hanno battuto scontrini o servito pizze dentro un ristorante ospitato a10 euro l'anno in uno spazio comunale. All'Assessore al Commercio Giorgi dico invece che 10 euro annui per affittare immobile, cucine,frighi, tavoli, attrezzature, autorizzazioni, in uno spazio pubblico è molto, molto distante da quanto pagano bar, osterie, pizzerie anche in luoghi nascosti dei rioni per tirare su la famosa saracinesca».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid in Fvg: 643 nuovi casi, scende il tasso di positività

  • Cronaca

    Fedriga chiude le scuole, sabato la protesta in piazza Unità

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento