Martedì, 15 Giugno 2021
Politica

Caso Abbuffata, Dipiazza risponde a Cosolini: «Sull'operato di Giorgi, nulla da eccepire»

Il sindaco risponde all’interrogazione di Cosolini sul caso “L’Abbuffata” e difende l’operato dell’assessore

Il sindaco Roberto Dipiazza chiude il caso "Abbuffata" in Consiglio comunale: il primo cittadino ha infatti risposto lo scorso giovedì al suo predecessore e ora consigliere comunale per il Partito democratico Roberto Cosolini che lo aveva interrogato sul caso della pizzeria dell’ippodromo e del ruolo dell’assessore Lorenzo Giorgi nel locale. 

«Ho dato mandato al segretario generale di approfondire possibili inefficienze nell’attività di gestione - ha esordito Dipiazza -. Non è in alcun modo sindacabile l’operato di un assessore che, come libero cittadino, si muova nel mercato imprenditoriale; nessuna società potrebbe avere limitazione alcuna alla libertà di impresa ove i titolari fossero “amici di vecchia data” di un assessore». «Diverso sarebbe stato il caso di un pubblico rappresentante che abusa del proprio ruolo - ha aggiunto il sindaco -, ma non era questo il caso: rsulta di tutta evidenza che, se accertato, non saremmo di fronte a un comportamento meramente censurabile in termini politici o fiduciari ma a una situazione che va ben oltre il contesto della politica».

Il primo cittadino ha poi concluso ricordando che il debito di Nordest Ippodromi (220 mila euro totali) nei confronti del Comune, proprietario della struttura, si è accumulato prima del suo mandato, ovvero durante quello di Cosolini stesso: «Non a caso, ho chiesto al segretario generale un approfondimento anche perché l’episodio del mancato introito investe periodi temporali superiori al mio attuale mandato». 

A Dipiazza ha poi replicato come da regolamento il consigliere che aveva posto l'interrogazione: «Sono soddisfatto che questa interrogazione abbia creato un terremoto e smosso la situazione - ha detto Roberto Cosolini dai banchi del Partito democratico -. Resto dell’idea che ci fosse una situazione di inopportunità, dimostrata anche da alcune dichiarazioni che considero incaute come “totale estraneità” e un’altra in cui (Giorgi, ndr) dice “offriremo tre linee diverse di carne...”, anche perché se si fosse su altri piani ci sarebbero altri soggetti a intervenire. Prendo atto che lei non ritiene inopportuna la situazione, ma che al contempo si va risolvendo la questione economica con Nordest Ippodromi».

La società cui è affidata la gestione della struttura ha infatti effettuato nei giorni scorsi un primo bonifico da 70 mila euro indirizzato al Comune, saldando così una parte del proprio debito. Debito che la stessa Nordest Ippodromi si è peraltro impegnata a ripianare completamente entro il prossimo 16 aprile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Abbuffata, Dipiazza risponde a Cosolini: «Sull'operato di Giorgi, nulla da eccepire»

TriestePrima è in caricamento