Caso Alina, Ugl Polizia: «Poliziotti messi alla gogna: si faccia prima chiarezza»

«È ormai divenuta consuetudine mettere alla gogna gli operatori della sicurezza ancor prima che questi vengano condannati in rito definitivo, operatori, che devono rispondere non sono alla magistratura , ma anche alla regolamentazione disciplinare interna»

«Questa mattina abbiamo appreso a mezzo stampa della volontà della magistratura di condannare pesantemente gli uomini del Commissariato di Opicina, che sarebbero colpevoli, a dire di quest’ultima, di reati che spaziano dal sequestro di persona al omicidio colposo» ha dichiarato il segretario generale provinciale Alessio Edoardo.

«Subito si sono resi noti nomi e cognomi dei Poliziotti coinvolti, modus operandi divenuto ormai una peculiarità giornalistica riservata solo ed esclusivamente alle F.O., perché –aggiunge il segretario generale provinciale– quando si tratta di delinquenti si vedono sempre solo le iniziali e/o al massimo l’età anagrafica. È ormai divenuta consuetudine mettere alla gogna gli operatori della sicurezza ancor prima che questi vengano condannati in rito definitivo, operatori, che devono rispondere non sono alla magistratura , ma anche alla regolamentazione disciplinare interna».

«A prescindere della gravità del fatto, che ha fatto mancare ai propri cari un parente che si è suicidato in camera di sicurezza e per il quale faranno sicuramente chiarezza gli inquirenti , questa O.S. È seriamente preoccupata dall’andamento giustizionalista a senso unico che in questi tempi sembra palesarsi con estrema facilità verso una classe di lavoratori già pesantemente vessata da mancanza di personale, mancanza di leggi speciali a tutela della legge e di una insufficiente fornitura di mezzo tecnico logistici, fra l’altro anche arretrati rispetto alle esigenze del tempo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La certezza della pena va rivolta a tutti i cittadini, con la stessa metodologia e con lo stesso impegno, non si può sempre puntare il dito in ogni circostanza sugli operatori su strada, che con grande spirito di abnegazione si prodigano in tutto e per tutto a dare un servizio al cittadino in condizioni a dir poco disperate, là nostra fiducia nella magistratura è piena, ma vorremmo vedere più equità nelle decisioni e nella divulgazione di informazioni prima di una condanna definitiva» conclude Edoardo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte in via Giulia, morto scooterista di 50 anni

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

  • Diciassettenne scomparsa da giorni in Carso, l'appello della polizia slovena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento