Ferriera, Cecco (Progetto FVG): "Bene posizione dell'amministrazione regionale"

"Sicuramente l'area a caldo della Ferriera non poteva essere il futuro economico e quindi occupazionale per Trieste, visti anche i tanti problemi per la popolazione e l'ambiente. Bene volontà di salvaguardare le maestranze"

"Per quanto concerne la situazione della Ferriera di Servola l'errore principale soprattutto degli ultimi anni è stato quello di voler continuare con l'accanimento terapeutico sull'area a caldo invece di ricercare alternative sostenibili" così si esprime Giorgio Cecco referente triestino per Progetto Fvg e noto per la sua attività ecologista.

"Sicuramente - sottolinea Cecco - l'area a caldo della Ferriera non poteva essere il futuro economico e quindi occupazionale per Trieste, visti anche i tanti problemi per la popolazione e l'ambiente, dopo anni di incertezza ora questa accelerazione sta ovviamente creando preoccupazione per la sorte dei lavoratori, bene quindi la posizione dell'amministrazione regionale nella volontà di tutelare le maestranze".

Chiusura area a caldo della Ferriera, le opposizioni: "C'è il nulla, la scatola è vuota"

Riconversione e ricollocazione

Secondo l'esponente di Progetto FVG "serve ora una programmazione certa sulla bonifica dell'area per la riconversione da una parte e per la ricollocazione dei lavoratori dall'altra, sicuramente importante il coinvolgimento di tutti gli enti competenti, Ministeri e parti sociali, anche per fare chiarezza sui procedimenti e le tempistiche, nonchè sugli accordi con la proprietà, per quanto già avviati in ambito locale dalla Regione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

Torna su
TriestePrima è in caricamento