Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Il centrodestra lancia l'operazione ballottaggio, l'appello al voto dei big

Oggi in piazza della Borsa Matteo Salvini, Giorgia Meloni, Antonio Tajani e Maurizio Lupi. Un appello all’unisono non solo per votare il candidato di tutto il centrodestra cittadino

Il centrodestra schiera i leader nazionali a sostegno di Roberto Dipiazza: a Trieste oggi si sono presentati insieme in piazza della Borsa Matteo Salvini, Giorgia Meloni, Antonio Tajani e Maurizio Lupi. Un appello all’unisono non solo per votare il candidato di tutto il centrodestra cittadino ma anche a convincere amici e parenti a farlo, portando il messaggio “casa per casa, negozio per negozio, fabbrica per fabbrica”, come dichiarato da Matteo Salvini, a cui hanno fatto eco anche il governatore Fedriga e il coordinatore nazionale forzista Tajani.

“Questa città – ha dichiarato Salvini - qualche anno fa era conosciuta come un luogo abitato da brava gente, dove però si dormiva e si andava altrove a lavorare. Adesso i giornali scoprono Trieste: quanto è bello venirci in vacanza e trasferirvi la propria azienda, merito di Dipiazza e dei cittadini”. Non sono mancate critiche dirette a giornalisti e sinistre, che hanno dato risalto agli ultimi fatti di cronaca nazionale e all’assalto alla Cgil a Roma: “Qualcuno vota sul passato ma fascismo e comunismo sono stati sconfitti dalla storia e non tornano più, anche se qualche giornale si appassiona a questo tema perché ha paura di confrontarsi sul futuro”. Il leader leghista non manca tuttavia di citare a sua volta il passato: “Noi non veniamo a fare campagna elettorale a Trieste parlando di nostalgici titini negazionisti delle foibe. Curioso farsi dare lezioni di libertà e democrazia a chi ritiene che migliaia di italiani massacrati da slavi e titini siano un incidente di percorso”.

Giorgia Meloni ha poi sottolineato che: “Trieste è la quinta città d’Italia dove si vive meglio, la prima per capacità di spesa, per spesa sociale e per occupazione femminile e ciò è figlio del lavoro fatto in questi anni”. Anche la leader di FdI ha minimizzato sull’argomento fascismo: “Mentre gli altri parlano dei Draghi delle favole le persone perdono i posti di lavoro, un milione dall’inizio del Covid. Dicono che va tutto bene ma non va tutto bene. Noi invece pensiamo alla concretezza”. Anche Meloni lancia un velato attacco alla stampa: “Non è vero che le sinistre hanno vinto le amministrative, non vi fate raccontare scemenze da chi, detenendo la comunicazione, se la canta e se la suona. Tra i sei capoluoghi tre vanno al ballottaggio quindi la partita è aperta, però bisogna continuare a votare”, parlando poi di “una campagna elettorale fatta di menzogne e killeraggio” mentre “Il Pd è sceso, 5 Stelle sono azzerati e Fratelli d’Italia ha triplicato il suo consenso”.

Antonio Tajani ha poi lodato l’operato di Dipiazza: “Venendo ieri da Roma la prima cosa che mi è saltata agli occhi è una città pulita, senza cartacce e erbacce, è una città completamente diversa da come la ricordavo, tutto grazie a Roberto, sindaco ci tutti i cittadini, non solo di chi lo vota”.

Il presidente di Noi con l’Italia Maurizio Lupi ha poi dichiarato che “a noi servono idee di protesta politica e di concretezza, quella moralità del fare che contraddistingue l’idea da sempre costituente del centrodestra”, che “non può essere mischiata a squardismo, violenza e fascismo”.

Dipiazza ha quindi ringraziato i leader nazionali e i cittadini per i risultati delle elezioni elencando i suoi personali valori fondanti: “Patria, lavoro, educazione e senso civico, questi sono i miei pensieri, invece ricevo continui attacchi e accuse. Ringrazio l’amico Enrico Letta e gli dico ‘stai sereno”.

Il sindaco uscente ha infine ricordato il concerto dei tre presidenti nel 2010 e l’incontro tra Mattarella e Borut Pahor in occasione della restituzione del Narodni Dom alla comunità slovena. Applausi di Giorgia Meloni alle sue spalle, anche se i suoi esponenti locali, ai tempi, si erano fermamente opposti alla restituzione dell’edificio, tra cui il sovranista Claudio Giacomelli, consigliere comunale oggi uscente, che aveva duramente criticato le posizioni opposte di altri alleati del centrodestra. Al di là dei battibecchi interni, tuttavia, oggi la maggioranza si è presentata alla cittadinanza in una veste più compatta che mai, unita per portare a casa la vittoria al ballottaggio.  

Salvini Meloni Tajani Lupi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il centrodestra lancia l'operazione ballottaggio, l'appello al voto dei big

TriestePrima è in caricamento