menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Circolo "dal Dire al fare": Aggregare per il nuovo Centro Destra

Pubblichiamo una nota stampa del Circolo "Dal Dire al Fare" Il Circolo “ Dal Dire Al Fare” è un Circolo politico ma apartitico vicino agli Ideali del Centro-destra italiano. E’ nato nel giugno 2009 con l’intento di interloquire con le locali...

Pubblichiamo una nota stampa del Circolo "Dal Dire al Fare"

Il Circolo " Dal Dire Al Fare" è un Circolo politico ma apartitico vicino agli Ideali del Centro-destra italiano. E' nato nel giugno 2009 con l'intento di interloquire con le locali Amministrazioni, portando le proposte settoriali del mondo economico e sociale della Società civile in esso rappresentata.

Opera prevalentemente on-line con il proprio sito web e con la pagina facebook, dove ha raggiunto quasi 2000 Aderenti.

Durante le recenti Elezioni amministrative locali ha tentato di riunire, tessendo una fitta trama di incontri nella sua speciale qualità di equidistanza tra le parti, le varie forze politiche di Centro-Destra che tra lotte intestine e veti incrociati, hanno di fatto disgregato la coalizione di maggioranza.

Purtroppo è stato il classico "profeta non ascoltato" ed i fatti hanno portato alla pesante "debacle" elettorale.

Oggi ci troviamo in presenza, oltre che ad una grave crisi economica e finanziaria mondiale, anche ad un'assenza di credibilità del cittadino verso la Politica in generale ed ad una sconcertante mancanza di proposte concrete da parte di tutti gli schieramenti politici che per di più, sono privi di un leader con il carisma necessario per poter far invertire la pericolosa tendenza generale al "NON VOTO".

Il Circolo si ripropone come Centro aggregatore verso tutte le persone ed Associazioni che, tutte con pari dignità, vogliano contribuire alla rincompattazione di una nuova coalizione di Centro-Destra, senza la quale, la vittoria elettorale è impensabile e che così soprattutto si possa superare la politica dei "piccoli orticelli privati" che tanto male ha fatto alla collettività.

Offre tutto l'entusiasmo di persone che credono ancora che "si possa fare" e che tutti assieme si possa vincere quella vecchia partitocrazia governata dai "signori delle tessere" i quali non sono più riconosciuti dai cittadini come propri rappresentanti (nelle Istituzioni democratiche).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento