Politica

"Trieste Estate" in Commissione Trasparenza, Rovis: «Speso il doppio e a danno delle ditte triestine»

Il neo presidente della Commissione Trasparenza Paolo Rovis spiega che il Comune ha speso oltre 21 mila euro per un servizio che le cinque società triestine avrebbero offerto a una cifra inferiore: «Tutto legittimo, però dalla scelta del percorso è emerso un atteggiamento morale discutibile»

L'altro giorno in Commissione Trasparenza, presieduta da ottobre da Paolo Rovis (Trieste Popolare), si è discusso della scelta del Comune di affidare il servizio di "comunicazione" di "Trieste Estate 2015" a una ditta di Bolzano, per una cifra di 19.296 euro (esborso per le casse comunali di 21.478 euro).

Rovis ha precisato che «tutto è legittimo, però dalla scelta del percorso è emerso un atteggiamento morale discutibile». Il consigliere si riferisce a quel processo di assegnazione che dal Comune è stato dato alla controllata Trieste Città Digitale (presieduta da Enrico Marchetto), che a sua volta ha passato la palla al socio interno Media Tecnologies che ha a sua volta svolge un'indagine di mercato.

Sono 15 gli studi contattati, solo 12 rispondo e 5 sono triestini (tra cui Incipit, quella che per tre anni ha gestito l'evento Trieste Estate, poi TriesteNext e la campagna elettorale del sindaco Cosolini): la scelta, dopo la richiesta dei preventivi, ricade sulla Mut, società di Bolzano, che chiede il doppio rispetto alla media delle richieste dei triestini. Proprio su questo punto si sofferma Rovis: «Nulla da eccepire sulla forma, ma il risultato finale è che il Comune spende 130% in più rispetto all’anno precedente e viene privilegiata un’azienda di un altro comune, che non paga le tasse in loco».

Marchetto spiega però che, grazie alla scelta di Bolzano, i poster di Trieste Estate sono entrati nel round finale del “Grafich Design Festival Scotland”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Trieste Estate" in Commissione Trasparenza, Rovis: «Speso il doppio e a danno delle ditte triestine»

TriestePrima è in caricamento