rotate-mobile
Politica

«Con finanziaria regionale sostegno a progetti culturali triennali dal 2016»

Lo ha annunciato oggi l'assessore regionale alla Cultura, Gianni Torrenti, intervenendo alla presentazione del 26/o Trieste Film Festival, principale appuntamento italiano con il cinema dell'Europa centro orientale, in programma dal 16 al 22 gennaio.

"Con la legge finanziaria per il 2016  dovremmo essere in grado di approvare, e quindi sostenere,  progetti di respiro triennale, in modo da poter offrire alle  iniziative più rilevanti la certezza di un supporto a più lungo  termine e permettere così al mondo della cultura di costruire  percorsi più articolati, senza il peso dell'incertezza di dover  attendere le decisioni anno per anno".

Lo ha annunciato oggi a Trieste l'assessore regionale alla  Cultura, Gianni Torrenti, intervenendo alla presentazione del  26/o Trieste Film Festival, principale appuntamento italiano con  il cinema dell'Europa centro orientale, in programma dal 16 al 22  gennaio.

Nell'occasione l'assessore ha ricordato come l'Amministrazione  regionale "ha sempre seguito questo come uno dei festival più  rilevanti, per la sua capacità di collocare il Friuli Venezia  Giulia nella sua dimensione internazionale", in quanto, ha detto,  "siamo tradizionalmente punto di riferimento per l'area  geografica di cui questa iniziativa si occupa".

Una rassegna "nata in un contesto geopolitico profondamente  diverso", che secondo Torrenti in questi 26 anni ha saputo  garantire, al tempo stesso, "continuità e il giusto rinnovamento,  mantenendo sempre inalterato, ed anzi rafforzandone, la qualità  dell'offerta e quindi la capacità di coinvolgere la cittadinanza  e le istituzioni".

"E' interesse di tutti accrescere l'attrattività delle  iniziative culturali", ha evidenziato l'assessore, auspicando che  il sistema del cinema regionale riesca a fare ulteriori passi  avanti.

In propositivo, riferendosi in particolare alla 'Casa del  Cinema', nata nel 2009 dalla collaborazione tra la Provincia di  Trieste e sette diverse associazioni, con sede nell'ex casa del  lavoratore portuale, l'assessore Torrenti si è detto convinto che  sia "pur con formule diverse rispetto a quelle attuali  questo  spazio culturale si possa mantenere" ed anzi "possa divenire  sempre più importante", sollecitando nel contempo "passi avanti  anche dal punto di vista organizzativo".

Alla conferenza stampa di presentazione, introdotta da Cristina  Sain, di Trieste Film festival, sono intervenuti, tra gli altri,  la presidente della Provincia di Trieste, Maria Teresa Bassa  Poropat, e l'assessore alla cultura del Comune di Trieste, Paolo  Tassinari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Con finanziaria regionale sostegno a progetti culturali triennali dal 2016»

TriestePrima è in caricamento