menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio Provinciale di Trieste, Oggi la prima Seduta d'Insediamento: il Discorso della Presidente

Intervento di apertura della Presidente Maria Teresa Bassa Poropat Illustri colleghi,con particolare emozione oggi inauguro questa prima seduta del nuovo consiglio provinciale.Per me si apre una seconda esperienza alla giuda dell’Ente, fase in...

Intervento di apertura della Presidente Maria Teresa Bassa Poropat

Illustri colleghi,
con particolare emozione oggi inauguro questa prima seduta del nuovo consiglio provinciale.
Per me si apre una seconda esperienza alla giuda dell'Ente, fase in cui più complesso, incisivo e stimolante mi appare il lavoro comune che ci attende. Assieme, ne sono certa, potremo non solo gestire, ma coordinare, progettare e governare i cambiamenti di cui questo territorio ha bisogno per raccogliere le sfide legate allo sviluppo, all'economia e all'urgenza di assicurare una buona qualità di vita a tutti.

La disillusione e la critica verso le istituzioni sembravano aver minato il rapporto tra società e
politica, alimentando in particolare un vento avverso alle province ritenute inutili.

E' stato allora importante consolidare i rapporti con i cittadini, sottolineando i tanti compiti conferiti, descrivendo i numerosi servizi quotidianamente assicurati, i bisogni soddisfatti, i progetti innovativi avviati, le iiniziative concluse e consolidate.

La partecipazione al voto conferma che le relazioni sono ancora possibili, che il desiderio di essere protagonisti è vivo, che le attese sono tante. A queste attese dobbiamo dare risposte chiare e serie, assicurando rispetto dei ruoli e trasparenza, dando ai dibattiti e ai confronti che quest'aula è destinata a ospitare dignità di contenuti e di forma.


Un tanto spetta all'istituzione che rappresentiamo.
Maggioranza e opposizione sono qui chiamate a esprimere la ricchezza e la varietà del nostro territorio, ad assicurarne uno sviluppo armonico nell'interesse di una collettività composita, suggerendo strategie che sappiano contribuire ad garantire a una provincia piccola per estensione un ruolo da protagonista nella crescita della nostra Regione e del Paese intero, dialogando con l'Europa e le vicine repubbliche. Progetti di largo respiro cui accompagnare una costante attenzione per i
temi del lavoro, per la promozione del territorio, per la tutela dell'ambiente e delle sue specificità, sostenendo una scuola attenta alle esigenze dei giovani e delle famiglie, tutelando le fasce più deboli, valorizzando una cultura dalle tante voci e tradizioni senza dimenticare l'innovazione e la
ricerca.

Dobbiamo investire sull'intero sistema degli attori coinvolti, trovando il giusto equilibrio tra quotidianità e articolata governance territoriale, tra valorizzazione dei singoli territori e una pianificazione costruita assieme alle altre istituzioni e ai molti interlocutori che in quest'area vivono e operano.

Molti sono i temi da affrontare traendo anche dal passato spunti per guardare avanti: il porto, le infrastrutture, una realtà composita dalle potenzialità ancora inespresse, una società ricca di voci cui assicurare ascolto, un tessuto economico dove vanno contemperati i principi di qualità e quantità, una collocazione geografica, europea e adriatica, che va valorizzata.

Tanti gli impegni cui non si può derogare, specie in questa fase di difficile congiuntura.

Per raggiungerli è essenziale la più ampia partecipazione e il più costruttivo coinvolgimento.

I nostri concittadini, tutti, ci chiedono in primo luogo responsabilità: la maggioranza deve operare dialogando e l'opposizione trovare la sua autorevolezza anche concorrendo nella definizione delle scelte.

Altrettanto forte deve essere, pur nel rispetto dei diversi compiti, il rapporto e la collaborazione tra giunta e consiglio. Una giunta, che verrò a breve a presentare, che ho scelto partendo da un postulato per me imprescindibile: offrire il miglior governo possibile a questa
provincia.

Sono certa che gli assessori sapranno assicurare totale dedizione alla carica accettata e saranno garanzia di dialogo e ascolto. Parimenti sono certa che i consiglieri daranno voce a tutte le componenti politiche del territorio, esercitando con responsabilità la delega loro assegnata.

Rinnovato per larga parte, questo Consiglio saprà trovare la strada per operare nell'interesse della comunità che rappresenta, grazie al contributo di quanti siedono su questi banchi per la prima volta e dei consiglieri riconfermati, la cui esperienza sarà prezioso supporto nei lavori che ci attendono.

Siamo dunque all'inizio di una nuova stagione, consentitemi tuttavia di soffermarmi un momento su ciò che è stato, esprimendo ancora un ringraziamento a quanti in quest'aula hanno operato in precedenza: è grazie a loro che questa amministrazione ha potuto trovare riconoscimento e
consenso.

Ancora più che in passato l'attuale assemblea rappresenta compiutamente e pienamente il territorio, con eletti nelle file della maggioranza e dell'opposizione espressione di tutti i comuni della provincia, con esponenti delle due comunità autoctone, portatori di competenze e storie professionali diverse, voci di numerose forze politiche. Un consesso che interpreta al meglio l'intera comunità anche grazie al numero delle donne e alle diverse generazioni cui appartengono i suoi
componenti.

Questa eterogeneità deve essere per noi leva e aiuto per operare al meglio a favore della collettività, consapevoli che l'onere della rappresentanza è complesso: necessita di correttezza, onestà intellettuale, rigore, rispetto delle istituzioni.

Una visione che sono certa condividiamo tutti.

Desidero ringraziare coloro che assieme a me hanno affrontato, in veste di candidati presidenti di
diverse coalizioni o partiti, la recente campagna elettorale rendendo il confronto sempre corretto:
Giorgio Ret, Francesco Cervesi, Paolo Polidori.

Il loro impegno a seguire l'azione di governo dai banchi dell'opposizione sarà importante, come
sarà essenziale la responsabilità e la passione con cui tutti noi opereremo.

Non posso tacere l'importante percorso che in questi mesi ho fatto con gli esponenti della
maggioranza, attraverso continui contatti con il territorio, ascoltando diverse voci, raccogliendo
indicazioni, parlando alla gente. Un'esperienza preziosa che sarà metodo costante di lavoro:
concertazione e condivisione non sono mere occasioni di incontro, ma strumenti per una
pianificazione di ampio respiro grazie al contributo di ognuno di noi.

Ho sempre detto, e lo ribadisco, che sarò la presidente di tutti.

In questa sede siamo chiamati a valorizzare le nostre idee e a confrontarci, sapendo che il nostro
agire deve esser votato al bene della comunità e di ciò mi farò garante.

E poiché l'istituzione che rappresentiamo opera attraverso le sue strutture funzionali, aree, servizi,
uffici fatti di donne e uomini di grande professionalità, permettetemi oggi di ringraziare anche loro
per l'attività che faranno assieme a noi, dando concretezza ai nostri indirizzi e supportandoci
quotidianamente.

Auguro a tutti dunque buon lavoro e dichiaro aperti i lavori di questo primo Consiglio provinciale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    La zona gialla torna dal 26 aprile: ristoranti aperti anche la sera

  • Cronaca

    Operatori sanitari in piazza contro l'obbligo vaccinale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento