Venerdì, 19 Luglio 2024
Politica

Cooperazione europea, Serracchiani: «Regione vitale nei rapporti Italia-Austria»

La massima collaborazione del Friuli Venezia Giulia per l'incremento dei rapporti tra Italia e Austria è stata ribadita dalla presidente della Regione Debora Serracchiani

La massima collaborazione del Friuli Venezia Giulia per l'incremento dei rapporti tra Italia e Austria è stata ribadita, oggi a Trieste, dalla presidente della Regione Debora Serracchiani in occasione della cerimonia d'insediamento del nuovo console onorario d'Austria per il Friuli Venezia Giulia, Sabrina Strolego, i cui uffici trovano ora sede nell'ambito degli spazi del palazzo della locale Camera di commercio, in piazza della Borsa.

Serracchiani, nel suo intervento, ha rimarcato che, con l'Austria, il Friuli Venezia Giulia condivide non solo le proprie radici ma anche il proprio futuro, nell'ambito della Casa comune europea.

«La nostra Regione - ha aggiunto - è dunque impegnata anche assieme alle Regioni austriache nella 'sfida' della futura nuova strategia macroregionale dell'Unione europea per la Regione Alpina ma in parallelo un'altra sfida, che viene da lontano, è aperta: quella del Gect, il Gruppo europeo di cooperazione territoriale 'Euroregio Senza Confini', assieme a Carinzia e Veneto, che può essere una cornice importante per il consolidarsi dei rapporti in materia quali la cultura, la salute del cittadino, la ricerca scientifica».

Ricordando il difficile clima per quello che succede "alle porte dell'Europa" (riferendosi all'attentato di Tunisi), la presidente Serracchiani ha quindi osservato che «abbiamo il dovere di costruire l'Europa» migliorando anche le relazioni tra i Paesi, eliminando quei "nodi", politici e non, che le nostre comunità, i nostri cittadini, le nostre aziende affrontano ogni giorno.

Il Friuli Venezia Giulia, ha concluso Serracchiani, crede fermamente nei rapporti e nelle collaborazioni con i Paesi vicini, come l'Austria, la Slovenia, la Croazia e la Serbia, "partendo dalle conoscenze e dai nostri punti di forza».

Alla cerimonia sono intervenuti il console generale d'Austria a Milano Sigrid Berka, il sindaco di Trieste Roberto Cosolini (il quale ha voluto ricordare, parlando di sviluppo della città, della prospettiva Portovecchio,«un'operazione che non è solo triestina»), la delegata commerciale austriaca per il Nord-Est Ingrid Valentini Wanka ("nuova dinamicità nell'interscambio italo-austriaco giunge dai primi mesi 2015") , il presidente del Consiglio regionale della Carinzia Reinhalt Rohr, il presidente della Camera di commercio di Trieste Antonio Paoletti, il consigliere comunale di Graz Peter Piffl-Percevic.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cooperazione europea, Serracchiani: «Regione vitale nei rapporti Italia-Austria»
TriestePrima è in caricamento