menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corte dei conti, Peroni: «Non ci siamo arresi a polemiche di corto respiro»

«La Corte sul fronte delle partecipate regionali ha riconosciuto “significative prospettive di miglioramento gestionale” con specifico riguardo all’Aeroporto e a Banca Mediocredito»

«Non ci siamo arresi a polemiche di corto respiro e a spettacolarizzazioni opportunistiche». Lo ha affermato l'assessore regionale alle Finanze Francesco Peroni, registrando "con soddisfazione" le considerazioni che la Sezione di Controllo della Corte dei Conti ha dedicato, rispettivamente, ai contenuti del nuovo accordo finanziario con Roma e ai progressi conseguiti sul versante delle partecipazioni societarie regionali.
Sotto il primo profilo, per Peroni «merita notare come la Corte abbia colto nella stabilità del gettito e nella connessa certezza delle entrate, cui il nuovo modello, con l’uniformità delle aliquote e l’allargamento delle fonti di entrata tende, il presupposto di un’erogazione efficiente delle risorse pubbliche nei confronti dei molteplici destinatari della finanza regionale».

Sul fronte delle partecipate regionali l'assessore ha osservato che «la Corte, nell’analizzare lo stato di avanzamento del piano regionale di razionalizzazione, ha riconosciuto “significative prospettive di miglioramento gestionale” con specifico riguardo all’Aeroporto e a Banca Mediocredito. Apprezzamento che, pur nella consapevolezza del lavoro che resta ancora da fare, conforta dell’impegno tenace dei tanti che, in questi anni di governo, si sono spesi a favore del risanamento e del rilancio strategico di questi asset regionali».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Tragedia sfiorata a Opicina: auto si cappotta nella notte

  • Cronaca

    Il Covid rialza la testa in Fvg, soprattutto tra i giovanissimi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento